Cesenatico, il sindaco: “Ridurre il consumo di suolo in zona agricola è un dovere”

Il sindaco Matteo Gozzoli insieme a tutta la giunta ha incontrato ieri la stampa locale durante una delle serate di dibattito in occasione della Festa dell’Unità di Borella. Il primo cittadino e gli assessori – partendo dalle domande dei giornalisti – hanno affrontato diversi temi a quasi un anno dalle elezioni del 3 e 4 ottobre 2021: la serata è stata l’occasione migliore per tracciare un primo bilancio di lavoro, analizzare la situazione attuale e provare a interpretare gli scenari futuri.

Le parole dei protagonisti

Il sindaco Matteo Gozzoli ha affrontato molti temi, concentrandosi sull’imminente approvazione del PUG. «Martedì abbiamo avuto la prima commissione per la pianificazione territoriale in cui abbiamo analizzato il PUG alla luce del confronto con Provincia a Regione e la prossima settimana è già in programma una nuova commissione per presentare anche il regolamento edilizio che accompagnerà e completerà il piano: così saremo pronti all’approvazione definitiva del PUG in consiglio comunale entro metà ottobre. È un momento importante e significativo che arriva a compimenti di tanti anni di lavoro. Siamo davanti a una svolta per la città che ha il dovere e la necessità di camminare verso la riduzione del consumo di suolo in zona agricola. Chi non capisce la ratio di questo principio è anacronistico e non si rende conto del mondo in cui vive. Sono contento del lavoro fatto e sono orgoglioso del fatto che tanti comuni limitrofi ci stiano chiedendo indicazioni e stiano guardando a quello che abbiamo fatto per strutturare il loro piano. Con il nuovo PUG, Cesenatico si proietta nel futuro».

Il vicesindaco Lorena Fantozzi è il volto nuovo di questo secondo mandato Gozzoli e dopo un anno di lavoro ha la possibilità di tracciare il suo primo bilancio con un occhio particolare e dedicato al commercio. «Il commercio sta vivendo anni di criticità, le viveva ancora prima dell’emergenza sanitaria che ovviamente ha aumentato le difficoltà. Quello che posso dire – da amministratrice e da imprenditrice – è che il territorio ha bisogno di fare rete per essere più solido e proprio per questo siamo arrivati a mettere a punto il progetto di cashback locale insieme agli altri comuni dell’Unione Rubicone e Mare. Oltre alla bontà in sé del progetto che sono certa si rivelerà utilissimo è proprio la filosofia che sta dietro a questa operazione che credo debba servire da esempio. Interscambio, aiuto, sinergia, collaborazione tra pubblico e privato: il commercio deve andare per forza verso queste direttrici. Per quanto riguarda la mia esperienza amministrativa, mi sono inserita da nuova in un gruppo consolidato che mi ha accolto e cerco giorno dopo giorno di dare il mio contributo insieme a tutte le persone competenti di Cesenatico Civica che mi supportano».

L’assessore Jacopo Agostini si è concentrato sulla delicata partita legata alle piattaforme e al contenzioso con ENI, sottolineando come una svolta nell’iter giudiziario potrebbe portare a entrare significative per le casse comunali. «Il contenzioso con ENI va avanti ormai da molti anni e speriamo che possa risolversi in breve tempo perché le entrate che si prospettano potrebbero cambiare radicalmente le prospettive del bilancio comunale a breve e lungo termine: i conti dell’ente sono in ordine – e su questo mettiamo grande attenzione da sempre – ma avere nuove risorse ci permetterebbe da una parte di fronteggiare con maggior serenità i grandi rincari legati agli aumenti dell’energia e anche agli aumenti dei costi che si stanno verificando in tutti i cantieri in essere sul territorio. Se devo immaginare il nostro futuro ci sono due progetti a cui penso e che credo siano obiettivi a lungo termine. La riqualificazione dell’area Ex Nuit su cui abbiamo raggiunto un grande risultato: adesso va “riconsegnata” alla città pensando a una piazza moderna o a una grande area verde; e la riqualificazione della parte della Vena Mazzarini che è un gioiello di Cesenatico e potrebbe dare ulteriore spinta propulsiva al nostro territorio».

L’assessore Mauro Gasperini è stato interpellato e sollecitato principalmente sul tema della sicurezza, e ha tracciato un bilancio di questa estate che sta volgendo al termine. «Abbiamo avuto un’estate che credo sia andata molto bene sotto il profilo dell’ordine pubblico: lo dico supportato dalle segnalazioni che arrivano alla Polizia Locale e alle Forze dell’Ordine che quest’anno sono state decisamente in numero minore rispetto al passato. Questi sono i fatti e di questo siamo contenti anche se sappiamo che non possiamo abbassare la guardia. In relazione all’estate abbiamo in piedi un dialogo costante con il Prefetto e Questore per chiedere sempre maggiori rinforzi sul territorio visto che Cesenatico in estate vede quadruplicare i suoi abitanti. Al netto di questo, gli investimenti fatti sul territorio danno i loro frutti. Abbiamo oltre 200 telecamere che controllano Cesenatico in maniera capillare, e abbiamo la Polizia Locale che le presidia e che ha fatto servizi straordinari durante la notte in estate».

Il bilancio dell’estate

La fine dell’estate si porta dietro anche inevitabilmente il bilancio sulle presenze turistiche che quest’anno, attendendo i dati di agosto, sono state un successo per Cesenatico e l’assessore Gaia Morara è contenta di come la città abbia risposto a questi anni particolari. «Veniamo da stagioni anomale, piene di dubbi e criticità per il turismo. Abbiamo dovuto cambiare strategia, puntando con la nostra promozione a segmenti mirati e più piccoli che avessero ottima capacità di spesa e che potessero trovare nella nostra località la destinazione perfetta. Possiamo dire che questa strategia ha pagato e sta pagando, con la promozione che si è diramata su tutti i canali disponibili introducendo investimenti importanti. Cesenatico ha le sue eccellenze e la sua tradizione vicino a cui stanno crescendo nuovi punti di forza ormai consolidati: turismo all’aria aperta, sport, natura, turismo sostenibile e per famiglie. Per concludere, insieme alla Consulta del Turismo stiamo lavorando sulla creazione della nuova DMO: la strada imboccata è quella giusta e abbiamo tanta strada da fare per definire aspetti legali, tecnici ed economici di questo che sarebbe un ulteriore passo in avanti».

Ha concluso la serata l’assessore Emanuela Pedulli che ha parlato di soprattutto di un problema che Cesenatico vive ormai da anni e per cui l’amministrazione sta lavorando: la questione casa. «Lavoriamo molto insieme e siamo sempre felici dei risultati che otteniamo ma ogni giorno di lavoro dobbiamo confrontarci anche con situazioni difficili, e la maggior parte delle criticità che mi trovo ad affrontare da amministratrice sono legate alla casa. A Cesenatico – come in tutto il territorio nazionale ormai – l’emergenza e la tensione abitativa sono un problema che coinvolge sempre più famiglie. L’emergenza sanitaria, la guerra e i rincari non hanno fatto altro che inasprire queste situazioni e insieme all’Unione Rubicone e Mare lavoriamo per risolvere queste situazioni un passo alla volta anche se non è semplice. La casa e il diritto alla casa devono essere un punto cardine della società e abbiamo il dovere di non lasciare indietro nessuno».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui