Cesenatico, il quasi sì di Buda come candidato del centro destra

«Il no che avevo detto tempo fa, adesso è diventato un ci sto pensando». Lo dice l’ex sindaco Roberto Buda, che potrebbe quindi essere vicino a scogliere con un sì la riserva a ricandidarsi. E magari raccogliere il guanto di sfida per ritornare di nuovo, dopo cinque anni, a fare il candidato sindaco del centro destra.

Spavaldo e sornione, buttandola sull’ironia, scandisce: «Se fossi in Matteo Gozzoli (sindaco in carica che si ricandida sostenuto da Pd, Pri e Lista Civica e che lo ha battuto 5 anni fa, ndr) non dormirei sonni tranquilli. Incomincerei a preoccuparmi per l’elezione. Dico davvero, non ho mai ricevuto così tanti incoraggiamenti come ora. Le telefonate non rompono fila. Mi emoziona davvero tanto avere una così grande testimonianza e prove di affetto. Non me lo sarei mai aspettato in questi termini. Incoraggiamenti e richieste che arrivano anche da persone dalle quali non mi sarei mai aspettato. Sono davvero lusingato». Da qui il possibile ripensamento: «Ma più che altro mi hanno fatto tornare la passione per la politica, quella attiva e militante. Così tanti e ripetuti inviti, telefonate e richieste a candidarmi, non le avevo mai ricevute neanche quando, nel 2011 decisi di correre per l’elezione da sindaco. E nemmeno nel corso di quella campagna elettorale che vinsi».

Si sbottona: «Mi è tornata quella voglia di fare politica attiva in prima persona. Quella che avevo deciso di mettere nel cassetto. E questo nonostante il fatto che se dovessi badare alla mia attuale situazione personale e familiare inviterebbe a rinunciarvi».

Alla domanda secca se si ricandiderà a sindaco di Cesenatico risponde: «Ci sto pensando. Se prima era quasi no, adesso devo dire che ci sto seriamente pensando».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui