Cesenatico, il Comune accelera per i lavori del Mercato ittico

Per non rischiare di perdere il finanziamento Feamp per i lavori al Mercato ittico all’ingrosso la tabella di marcia anche delle procedure amministrative per il Comune di Cesena deve per forza di cose essere serrata, i lavori dovranno infatti essere realizzati entro il 20 aprile 2023, sebbene sia contemplata anche una possibilità di proroga. È di questi giorni, infatti, la determina che approva il progetto esecutivo e indica nella gara negoziata, e non nel bando, lo strumento per individuare la ditta a cui affidare i lavori.

L’intervento è stato finanziato nell’ambito del bando “Porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e ripari di pesca” del Feamp 2014-2021, i fondi strutturali europei della pesca e acquacoltura, assegnati attraverso bando regionali, che ha visto il progetto di Cesenatico, tra i quattro che hanno ottenuto il finanziamento, secondo dopo quello di Goro. Il contributo ricevuto è di 860mila euro, su un quadro economico che vede un importo complessivo di 1 milione e 100mila euro.

Tra i lavori programmati c’è il rinnovo dell’impianto software per il funzionamento e relativa movimentazione delle compravendita del pesce in sala d’asta, il rinnovo completo delle pavimentazioni interna ed esterna (dove avviene anche la vendita del pesce massivo), il rifacimento e sostituzione dell’impianto di climatizzazione al fine di migliorare la conservazione e il mantenimento al fresco del pesce sia da vendere, durante le fasi di contrattazioni, sia venduto, in attesa di essere ritirato dai grossisti e commercianti ittici acquirenti. A questo si aggiunge la sostituzione degli infissi, alquanto datati, in tutte le parti della struttura, la sostituzione e rinnovo dei rivestimenti in tutti gli interni (uffici e servizi compresi), l’adeguamento dei servizi per gli operatori addetti e il pubblico, la sistemazione delle coperture e tettoria esterna.

Il cantiere, da bando, dovrà chiudersi, salvo eventuale proroga, entro il 20 aprile, ma a rendere complicata la programmazione dei lavori c’è anche il tema della convivenza con la normale attività del Mercato ittico: l’attività di contrattazione e compravendita del prodotti ittico qui viene fatta durante tutto l’anno (anche durante il periodo di fermo di pesca) .

Dati i tempi così stringenti la decisione dell’amministrazione è stata quella di non ricorrere al bando, per affidare i lavori. Lo fa sfruttando una possibilità introdotta da uno dei cosiddetti decreti Covid del 2020, poi convertito in legge, che consente, fino al 30 giugno 2023, di andare in deroga in casi come questo. La base di gara è di 721.450,60 euro di cui 30mila euro di oneri per la sicurezza, e la procedura negoziata prevede che l’amministrazione richieda 5 preventivi ad altrettanti operatori che dovranno essere sorteggiati dall’elenco degli operatori economici del comune di Cesenatico tra quelli che hanno i requisiti necessari. Il criterio di aggiudicazione sarà quello del minor prezzo sull’importo a base gara e visti i tempi stretti non sarà obbligatorio il sopralluogo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui