Cesenatico, fine fermo: tornano in mare anche le barche a strascico

Concluso il fermo pesca, a partire da domani le barche a strascico tornano a gettare le reti in mare. Lo stop temporaneo e obbligatorio per dar modo al pesce di riprodursi e accrescere di taglia era iniziato sabato 31 luglio e ha interessato le barche che praticano il mestiere della pesca con reti a strascico, divergenti, sfogliare e rapidi. Il decreto del Ministero delle Politiche Agricole ed Alimentari ha ricalcato nelle sue decisioni quanto lo scorso anno era stato fatto per i compartimenti marittimi da Trieste ad Ancona. Già da lunedì scorso hanno invece ripreso l’attività le barche che effettuano la pesca “a volante” a coppia per la cattura del pesce azzurro (alici, sarde, papaline, sgombri) e altre specie pelagiche. Anche per loro c’è stato il fermo obbligatorio per tutto il mese di agosto e ne dovranno fare un secondo tra dicembre e gennaio. Anche durante il periodo di fermo obbligatorio 2021 non ha subito alcuno stop la “pesca costiera”, quella cioè che utilizza strumenti da posta, quali reti fisse, cogolli, nasse per seppie e canocchie, praticata dai barchini. Idem l’attività di pesca delle vongolare, effettuata dalle barche che montano draghe idrauliche. È invece oramai agli sgoccioli la stagione di produzione e commercializzazione di mitili nostrani, allevati in mare aperto negli impianti di maricoltura. Il prossimo “raccolto” è previsto nell’anno nuovo, a partire da febbraio-marzo. Per le vongole è ripresa da pochi giorni l’attività di pesca con draga idraulica, dopo un periodo di fermo da fine maggio e fine luglio. Le barche a strascico interessate al fermo pesca a Cesenatico sono poco meno di 40, mentre in Emilia Romagna sono circa 200 e nell’area Gsa 17, che si estende fino ad Ancona, 700. Per quanto riguarda la pesca “a volante” a coppia, lungo l’intera costa della regione sono in attività meno di 20 barche: 4 coppie a Cesenatico, una a Cattolica, 3-4 a Porto Garibaldi, 2-3 a Goro. Adesso entra in vigore il cosiddetto fermo tecnico, quando cioè si ritorna in mare a pescare, una volta concluso il periodo di fermo pesca obbligatorio. Da Trieste ad Ancona, dal 6 settembre fino al 14 novembre, i pescatori potranno optare se pescare per tre giorni la settimana, oppure per 4 giorni, non superando tuttavia il tetto delle 60 ore. Sono stati ridotti, invece, gli ulteriori giorni aggiuntivi di fermo per i soli compatimenti compresi tra Trieste ad Ancona. Il che significa che per barche fino ai 12 metri di lunghezza saranno 9 i giorni ulteriori di stop, e non più 14 come in precedenza e per le barche fino a 24 metri saranno 13, anziché 18. Da San Benedetto del Tronto a Termoli il fermo pesca iniziato il 16 agosto e si concluderà il 4 settembre. Scendendo più a sud, da Brindisi a Gaeta il fermo avrà inizio il 6 settembre e durerà sino al 5 ottobre. Nel Tirreno, da Roma a Civitavecchia, proseguirà sino all’11 ottobre, e da Livorno a Imperia fino al 2 novembre. Questo calendario variegato mira a consentire ai mercati all’ingrosso e al dettaglio, all’intera filiera ittica e al consumo sulle tavole di avere la possibilità di essere riforniti il prodotto pescato in Italia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui