Cesenatico, Festa di Garibaldi tra camicie rosse e ori azzurri

Dopo il Palio della cuccagna vinto ieri sera da Widmer Vincenzi di Sala, la Festa di Garibaldi è entrata nel vivo questa mattina con il tradizionale corteo delle camicie rosse e le celebrazioni dell’eroe dei due mondi e della sua compagna Anita. Alla cerimonia in piazza Ciceruacchio la mattatrice è stata Annita Garibaldi Jannet, pronipote del protagonista del Risorgimento, che ha tenuto un’orazione incentrata soprattutto sulla figura di Anita, indicandola come simbolo di emancipazione femminile ante litteram e più che mai attuale.

Tra le persone presenti, oltre alle autorità locali, c’erano Eugenio Fusignani, vice sindaco di Ravenna, e Loris Zoffoli, in rappresentanza del Comune di Montiano. Da più lontano sono arrivati invece Fabricio Darossi e Luciana Silveira, della città brasiliana di Laguna, dove Giuseppe Garibaldi conobbe Anita. I due ospiti sudamericani hanno anche scritto una lettera al sindaco Matteo Gozzoli e a Silvio Monticelli, presidente della sezione Cesena-Cesenatico dell’Associazione nazionale veterani e reduci garibaldini, rappresentata anche da alcuni decani ultranovantenni che non sono voluti mancare all’appuntamento. L’emozione delle camice rosse è stata amplificata dalle due medaglie d’oro conquistate dagli azzurri alle Olimpiadi di atletica leggera: alla fine del pranzo al ristorante “Il giardinetto”, assieme al sindaco, sono esplosi in un tripudio incontenibile per i trionfi di Jacobs e Tamberi, nei 100 metri e nel salto in alto, salutati intonando l’inno di Mameli, seguito da Romagna mia.

Questa sera alle 22 la festa si concluderà con gli spettacolati fuochi d’artificio musicali sul mare.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui