Cesenatico, circo occupa posto all’altro. Il sindaco firma lo sgombero

Cesenatico, circo occupa posto all'altro. Il sindaco firma lo sgombero

CESENATICO. Il sindaco di Cesenatico, Matteo Gozzoli, ha firmato un’ordinanza che impone lo sgombero dell’area adibita a circo sita a Valverde in via Dante dove, senza alcuna autorizzazione comunale, è attualmente presente il Circo Vienna (Wiener Zirkus), con una struttura adibita a circo e con alcuni animali che fungono da attrazione.

La motivazione che ha indotto il primo cittadino a firmare il provvedimento urgente di sgombero, si legge in una nota, “non è esclusivamente la mera assenza di titoli autorizzativi, ma anche e soprattutto per ragioni di sicurezza, di igiene pubblica e, non per ultimo, di tutela del benessere degli animali stessi. È importante, infine, sottolineare che l’occupazione abusiva del circo di Vienna riduce la completa funzionalità e fruibilità dell’area. Area che, tramite gara pubblica, è stata regolarmente assegnata al Circo Madagascar che ha quindi i titoli per svolgere l’attività nel mese di agosto. Il Comune di Cesenatico ha adottato quindi le misure necessarie nei confronti dei proprietari del circo, inviando, prima di tutto, una diffida dallo svolgere l’attività di circo e dall’occupare l’area; ha successivamente disposto un’ordinanza che impone di cessare l’attività di attendamento con animali, in quanto non autorizzata e di procedere al ripristino, entro 48 ore dalla notifica del provvedimento, dei luoghi, con sgombero di tutta l’area interessata”. In caso, poi, di non ottemperamento del provvedimento, si procederà ad intervenire con la forza pubblica.

“Si tratta di una misura alla quale non saremmo voluti arrivare – Commenta il sindaco –. I titolari non sono in possesso delle autorizzazioni necessarie né per svolgere l’attività né per mantenere in opera la struttura. Inoltre non dimentichiamoci che sono altri i soggetti che hanno regolarmente ottenuto il permesso per svolgere l’attività e hanno il diritto di operare in sicurezza”.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *