Cesenatico, chiesto processo per autista dell’incidente mortale

Chiesto il processo per l’autista dell’autobus francese che nel 2017 causò la morte di Mara Lombardi sull’Adriatica. Per la Procura l’imputato è l’unico responsabile del tragico incidente costato la vita alla 61enne albergatrice di Gambettola. Udienza preliminare rinviata al 4 giugno, con sospensione dei termini di prescrizione, per il legittimo impedimento dell’avvocato difensore francese che non si sarebbe potuto spostare per il Covid.

Il pm ha ritenuto unico responsabile della tragedia e chiesto il rinvio a giudizio per l’autista francese di 55 anni. La tragedia si è consumata alle 7,30 del mattino del 7 settembre 2017 sulla Statale Adriatica, al km 179,600. Mara Lombardi, che gestiva con la famiglia l’hotel Bamby di Gatteo, viaggiava come passeggera sulla Ford Focus condotta dalla cognata, anche lei di Gambettola: la vettura era ferma a centro strada, in direzione Ravenna, in attesa di poter girare a sinistra per entrare in un supermercato. Su di loro, da dietro, si è “abbattuto” un pesante autobus Neoplan Cityliner con a bordo 17 passeggeri di nazionalità francese, partito da Bellaria Igea Marina per una gita a Venezia. Ha tamponato con violenza, a una velocità stimata di 84 km/h, la Focus scaraventandola nella corsia opposta, dove si è scontrata frontalmente anche con una Ford Mondeo guidata da un 52enne residente a Cervia di nazionalità moldava. Mara Lombardi è morta sul colpo.

Ireaticontestatisonoomicidio stradale e lesioni personali stradali gravi.

La famiglia della vittima ha anche dovuto subire le zero risposte sul fronte risarcitorio. Ogni tentativo con l’assicurazione del bus si è infranto contro un muro: l’assicurazione sostiene la tesi secondo cui la Focus prima avrebbe fatto il frontale con la Mondeo e poi sarebbe finita contro il bus. E quindi c’è stata una citazione in causa al tribunale civile di Forlì.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui