Cesena, volontario multato al Bufalini: si fa avanti un benefattore

Non sarà cancellata la multa fatta il 4 marzo alla Misericordia di Alfero, perché un suo volontario che stava accompagnando al Bufalini un ipovedente aveva lasciato l’auto in un punto dove non poteva parcheggiare. La polizia locale ha respinto l’istanza con cui l’associazione aveva chiesto di annullare in autotutela la sanzione. Ma dal Comando di via Dell’Amore hanno detto no, spiegando telegraficamente che la normativa vigente non consente di farlo. A questo punto, l’unica carta da giocare per non pagare i 42 euro per l’infrazione contestata da un ausiliario della sosta sarebbe quella di impugnare la contravvenzione davanti a un giudice. Però il sodalizio che opera da 46 anni per assistere persone fragili è orientato a non farlo. Anche perché – riferisce Roberta Giangrandi, governatrice della Misericordia di Alfero – una persona sensibile si è fatta avanti offrendo di pagare la multa di tasca sua. E comunque, al di là di questo slancio di generosità, «non c’è tempo per seguire la trafila prevista in caso di ricorso, perché siamo troppo impegnati ad aiutare chi ha bisogno», prosegue Giangrandi. Poi aggiunge però che c’è «l’esigenza di dare alle associazioni di volontariato la possibilità di parcheggiare senza rischiare ogni volta di beccarsi una multa». L’appello è rivolto al sindaco, ma ancor prima all’Ausl, da cui dovrebbe partirel’eventuale ok al parcheggio di mezzi condotti da volontari che trasportano pazienti a fare visite e trattamenti sanitari nella zona dedicata alle ambulanze. Ovviamente senza che creino intralci.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui