Cesena, vaccinazioni ripartite con pochi ritiri e senza paura

Dopo tre giorni di pausa forzata e grazie al verdetto positivo di Ema e Aifa, dalle 15 di ieri anche a Cesena sono ricominciate le vaccinazioni con “Astrazeneca”. Il più temuto degli effetti collaterali di quanto accaduto è che aumentassero le defezioni, ma il rischio sembra scongiurato. «Le rinunce rispetto ai prenotati – conferma il sindaco Enzo Lattuca – sono state pochissime». Poi aggiunge che nel Cesenate in questi giorni è stato raggiunto un importante risultato: «Abbiamo superato il 70% di vaccinati tra le persone con più di 80 anni». Giornata tranquilla anche al punto vaccinale al “Seven” di Savignano, dove non si sono registrate defezioni, anche se ieri erano prenotati solo pazienti con più di 80 anni, ai quali spettava quindi il “Pfizer”. Al punto vaccinale in fiera a Pievesestina la fila in certi momenti è arrivata ben oltre la porta d’ingresso e non sono mancati scambi di battute: «Quale fai? Io “Astrazeneca”, quello buono». All’interno del padiglione la sensazione era quella di osservare una macchina che lavora a pieno regime. Mentre il personale sanitario era impegnato tra colloqui e inoculazioni, ad accogliere i pazienti c’erano anche i volontari che hanno risposto all’invito di Comune e Ausl.Una di loroha definitopieno ma tranquillo il pomeriggio vaccinale: «Non abbiamo intercettato particolari preoccupazioni. In un certo senso è stato peggio giovedì, perché qualcuno che era prenotato per “Astrazeneca” si è presentato lo stesso, convinto che semplicemente sarebbe stato vaccinato con un altro vaccino».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui