Cesena, una panchina rossa dedicata a Milena Pirini Casadei

Sarà dedicata a Milena Pirini Casadei, la donna di 24 anni scomparsa da Cesena il 21 ottobre 1994, la sesta panchina rossa, simbolo della lotta contra la violenza sulle donne, che il Comune di Cesena, in collaborazione con il “Forum delle donne” e le associazioni femminili aderenti, sta posizionando in vari punti della città.

E proprio in occasione dell’8 marzo, festa della donna, la panchina rossa dedicata a Milena sarà inaugurata, alle 16, nel parco di Sant’Egidio, lato via Borghi verso la chiesa parrocchiale, dove Milena abitava.

«Quando ci è stato proposto- dice la sorella – di dedicare una panchina rossa a Milena, tramite l’associazione Penelope, abbiamo accolto a braccia aperte l’iniziativa. È infatti un’iniziativa molto bella e il fatto che il Comune abbia messo a disposizione queste panchine rosse, date dalla Regione per le donne vittime di femminicidio, anche alle persone scomparse è ancora più meritevole. Anche se spesso anche questi casi riguardano femminicidi, seppure non credo che questo sia il caso di mia sorella».

La sera del 21 ottobre 1994 Milena uscì di casa da Sant’Egidio, dove viveva con la madre e le tre sorelle, e non tornò più. Il 1° dicembre successivo qualcuno imbucò il suo portafoglio in una cassetta delle lettere a Cesenatico. La giovane donna era alla vigilia di un intervento chirurgico, ultimo di una lunga serie, che avrebbe dovuto finalmente porre rimedio a una delle conseguenze più serie di un incidente occorsole qualche anno prima. Circa due anni e mezzo dopo la scomparsa giunsero alla famiglia alcune telefonate, tutte mute tranne una, quella di una misteriosa signora che disse di avere un appuntamento con Milena per una riunione di una congregazione religiosa.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui