Cesena, ubriaco a tutto gas verso il centro con due coltelli in auto: scatta la denuncia

I servizi di prevenzione e controllo del territorio, svolti nella settimana scorsa dal personale della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cesena, hanno portato all’identificazione di 305 persone, al controllo di 229 veicoli, a tre denunce in stato di libertà e a due segnalazioni amministrative.

Guida in stato di ebbrezza e due coltelli

Singolare l’intervento dei giorni scorsi dei poliziotti di pattuglia che intercettano, in zona Ponte Nuovo, un’autovettura a velocità sostenuta e con andatura pericolosa che procedeva in direzione centro città. Dopo un breve inseguimento, l’auto arrestava la marcia ed il conducente, identificato in un trentacinquenne cesenate, appariva agli Operatori di Polizia in un palese stato di ebbrezza alcolica.

L’uomo, alla vista dei poliziotti consegnava loro un coltello a serramanico di cui non forniva un giustificato possesso. Vista la situazione, veniva effettuato un controllo all’interno dell’auto che permetteva agli operanti di rinvenire un ulteriore coltello a serramanico. Il conducente, viste le mancate spiegazioni plausibili, veniva denunciato in stato di libertà per porto di armi od oggetti atti ad offendere. Per la guida in stato di ebbrezza interveniva sul posto una pattuglia della locale Polizia Municipale che provvedeva al test dell’etilometro e alla verbalizzazione della violazione al Codice della Strada.

Taglierino sospetto

La scorsa settimana ha visto anche lo svolgersi di un’attività di controllo integrato del territorio, per il contrasto ai reati contro il patrimonio ed in particolare furti in abitazione, disposta dal Questore della provincia di Forlì-Cesena, Lucio Aprile. Servizio che ha visto impiegate pattuglie del Commissariato di P.S., della locale Arma dei Carabinieri, Polizia Municipale e Reparto Prevenzione Crimine.

Controlli nella zona della locale stazione ferroviaria, hanno portato all’identificazione e alla denuncia in stato di libertà di un trentasettenne, cittadino etiope, risultato irregolare sul territorio nazionale, che veniva trovato in possesso di un taglierino di cui non era in grado di giustificare il possesso. Accompagnato presso gli Uffici di Polizia dove veniva sottoposto ai rilievi foto-dattiloscopici, veniva denunciato per il porto di oggetto atto ad offendere e, stante il suo soggiorno illegale sul territorio, per violazione alle leggi sull’immigrazione.

Spacciatore “pizzicato”

Nell’ambito del contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, nell’area antistante la stazione ferroviaria, veniva invece “pizzicato” un ventottenne, cittadino senegalese con pregiudizi di Polizia a suo carico.

Questo veniva notato, dai poliziotti in servizio di volante, scambiarsi in maniera sospetta un saluto con un giovane di origini bulgare, noto agli Operatori per la sua frequentazione in zona. Sottoposti entrambi ad identificazione e controllo, il giovane diciottenne veniva trovato in possesso di mezzo grammo di hashish, mentre nel marsupio indossato dal cittadino senegalese venivano rinvenuti e sequestrati dieci grammi dello stesso tipo di droga.

Accompagnati entrambi presso gli Uffici del Commissariato, il cittadino senegalese veniva denunciato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio mentre a carico del diciottenne, quale presunto acquirente, si procedeva al sequestro amministrativo della sostanza e alla segnalazione alla competente Autorità Amministrativa per l’adozione dei provvedimenti previsti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui