Cesena: ubriaca si rovescia con l’auto e poi scappa dall’ospedale

Alle 8:40 era molto ubriaca alla guida della sua auto: tanto che “è “riuscita” (senza il coinvolgimento di altri mezzi) a rovesciarsi sulla bretella gronda. È la tesi su cui lavorano gli uomini della polizia locale che, facilmente, nel prossimo futuro, denunceranno una 43enne di origine ucraina la quale, dopo i soccorsi ricevuti, ha iniziato anche a mettere a soqquadro il pronto soccorso. Prima di scappare dall’ospedale senza ricevere le cure predisposte.

L’allarme è scattato ieri mattina nel tratto di via Camillo Golgi della bretella gronda a Villachiaviche. La Toyota Yaris guidata dalla donna ha sbandato finendo a lato della strada e ad una velocità tale da rovesciarsi su se stessa.

L’incidente è stato visto da altri automobilisti che hanno chiamato subito il 118 per soccorrere la donna. Estratta dall’abitacolo, stordita e contusa, è stata trasferita per le cure del caso al pronto soccorso del Bufalini mentre sul luogo dell’incidente arrivavano gli uomini dell’Infortunistica della polizia locale.

Una volta in ospedale la 43enne ha iniziato a “riprendersi d’animo”, rispetto ai primi momenti di stordimento dovuti all’urto. Ha iniziato a dare in escandescenze tanto che, mentre doveva ricevere cure, il personale sanitario era stato costretto a chiedere aiuto ala stessa polizia locale. Quando la PL è arrivata in pronto soccorso la donna (che comunque era già stata identificata e sottoposta ad analisi di rito) è scappata via senza aspettare tutte le cure che gli sarebbero state somministrate i seguito all’incidente. La testi sia investigativa che dei sanitari che l’anno aiutata, è che l’allontanamento volontario dal Bufalini sia stato l’estremo tentativo di nascondere la guida in stato d’ebrezza a causa della quale, malgrado fosse mattina presto, era uscita di strada rovesciandosi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui