Cesena: trova per strada 4 mila euro, ora sono suoi

Il 5 dicembre 2019 aveva trovato un borsello di colore verde abbandonato per terra, all’angolo tra viale Bovio e via Piave. Dentro c’erano ben 4.000 euro in contanti, mentre non c’era alcuna traccia di documenti o altri elementi per risalire al proprietario. Con grande senso civico, la donna che si era imbattuta per caso in questa grossa somma di denaro aveva consegnato tutto ai carabinieri.

Ora quei soldi, non essendo stati rivendicati da nessuno entro i 12 mesi previsti dalla legge, sono diventati suoi a tutto gli effetti. Davvero un bel regalo e anche un meritato premio per l’onestà mostrata.

Soldi a chi li ha trovati

È l’articolo 929 del Codice civile a disciplinare il rinvenimento degli oggetti smarriti, prevedendo che, trascorso un anno dall’ultimo giorno della pubblicazione del rinvenimento senza che si presenti il proprietario, la cosa oppure il suo prezzo, se le circostanze ne hanno richiesto la vendita, appartiene a chi l’ha trovata.

La donna che aveva recuperato il borsello ha pazientato circa un mese in più rispetto al termine prefissato. Solo il 26 marzo scorso ha infatti chiesto formalmente che le fossero consegnati i 4.000 euro, mentre il Comune ne aveva preso possesso il 20 febbraio 2020, versando temporaneamente la cifra presso la propria tesoreria.

Nei giorni scorsi, riconoscendo il diritto della richiedente, l’ufficio competente ha provveduto a liquidare la somma dovuta.

Mistero e sospetto

È invece probabilmente destinato a rimanere irrisolto il mistero sulla provenienza di quei soldi e sulle circostanze in cui sono stati persi. È stato uno smarrimento involontario o si tratta di denaro non “pulito” di cui qualcuno si è sbarazzato per qualche ragione? Di certo è insolito avere con sé così tanti soldi. Ed è anche strano che, se li si perde accidentalmente, non ci si faccia avanti per reclamarli. A meno che non si abbia qualcosa da nascondere.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui