Cesena, trova 600 euro al postamat e li restituisce al proprietario

Ha trovato 600 euro in uno sportello dell’ufficio postale di Diegaro e ha consegnato tutto alla polizia. Abderrahim Maouf, 32enne marocchino residente a Borello, arrivato di fronte al postamat, ha visto i contanti fuori dalla fessura da cui fuoriescono le banconote. E’ accaduto ieri, quando un anziano si è recato al postamat per prelevare il denaro. Dopo avere inserito la tessera e aver autorizzato la procedura per ritirare la somma desiderata dal proprio conto corrente, si è allontanato dallo sportello automatico ritenendo che l’operazione non fosse andata a buon fine. In quel momento è arrivato il 32enne, che – riferisce lui stesso – ha immediatamente “cercato di rintracciare il cliente che era in fila prima di me. Ma non l’ho più visto. A quel punto ho ritirato la ricevuta e le banconote e mi sono rivolto al Commissariato di polizia, chiedendo agli agenti di rintracciare la persona interessata”. Gli agenti hanno fatto gli accertamenti del caso presso l’ufficio postale di riferimento, in collaborazione con i colleghi della polizia postale di Forlì. In questo modo sono risaliti all’identità della persona a cui questa mattina è stato consegnato il denaro “dimenticato”.

Questo pomeriggio il sindaco Enzo Lattuca, l’ispettore Roberto Meloni e l’agente Alfio Vecchio hanno voluto ringraziare per la sua onestà chi ha trovato i soldi e si è attivato perché fossero restituiti al legittimo proprietario (nella foto). “Non è la prima volta – commenta il sindaco Enzo Lattuca – che nella nostra città si verificano episodi di questo tipo, che dimostrano l’alto senso civico dei cesenati. Di fronte ai contanti, Abderrahim non ha esitato un istante in più e ha scelto di fare la cosa giusta, nella speranza che quella somma potesse essere restituita al legittimo proprietario. Per questa ragione ho voluto congratularmi con lui ma anche con gli uomini della polizia”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui