Cesena: striscione contro Don Paolo di fianco alla chiesa

Un cesenate ha deciso notte tempo di esternare il proprio dissenso alle parole sconcertanti sui vaccini pronunciate domenica scorsa dall’altare da don Paolo Pasolini, parroco di San Rocco. Ha appeso, in maniera visibile dalla chiesa, nella recinzione di una casa a sinistra del luogo sacro, uno striscione che cita Massimo Gramellini il quale, nel suo corsivo sul Corriere, ha definito il parroco cesenate “Don Fake” dicendosi “da mezzo sangue romagnolo” sconcertato come a messa domenica nessuno si fosse ribellato esplicitamente alle esternazioni di Don Paolo. “Nonna Emma – ha scritto Gramelllini – si sarebbe alzata in piedi e avrebbe urlato al prete: «Valà, ignurantaz!».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui