Cesena, spostamenti in auto da ridurre del 40% entro il 2030

Sono state approvate ieri, in consiglio comunale, le linee di indirizzo del Piano urbano della mobilità sostenibile: una Cesena sicura e in salute, una Cesena resiliente e che pensa al futuro delle prossime generazioni, una Cesena attrattiva, vivibile ed economicamente vivace e una Cesena inclusiva ed equa. L’assessora Francesca Lucchi spiega che l’obiettivo è “costruire una città dove il sistema di mobilità non solo garantisce elevate condizioni di sicurezza e minore inquinamento ma dove l’organizzazione stessa degli spazi e delle destinazioni promuove forme di mobilità attive a tutela del benessere della collettività. Con la redazione di questo Piano della mobilità pertanto la nostra attenzione non si concentrerà solamente sulla tutela del clima e dell’ambiente sostenendo scelte energetiche a minor impatto, ma sulla promozione della bellezza e dell’attrattività, stili di vita sani ed attivi, valorizzazione del cicloturismo. Il tutto tenendo conto anche dell’emergenza Covid, che ha modellato le abitudini della collettività portandoci a intraprendere azioni finora poco considerate. Concretamente dunque dobbiamo essere in grado di bilanciare la domanda di mobilità, passeggeri e logistica verso forme di spostamento che siano coerenti con gli obiettivi di sostenibilità ambientale, salute pubblica, inclusività e salubrità dell’aria. Al fine di conseguire questi obiettivi, attraverso il Piano della mobilità vogliamo ridurre, entro il 2030, almeno del 12% la domanda di mobilità complessiva, creando le basi per un decremento del 40% degli spostamenti motorizzati e una diminuzione del 45% delle emissioni di gas serra. Il raggiungimento di questi obiettivi necessita di una strategia integrata che metta al centro i comportamenti delle persone”.

La media degli spostamenti dei cesenati è di 3,5 chilometri, quasi l’80% degli spostamenti è oggi inferiore ai 10 chilometri. “Creare servizi e consapevolezza delle opportunità – conclude Lucchi – significa offrire a chi non ha la possibilità di scegliere altri mezzi, se non quelli motorizzati, di poterlo fare e di trovare le comodità adeguate. Infine, dovremo migliorare l’efficienza e l’efficacia del sistema di mobilità, anche identificando le infrastrutture necessarie, sia elettriche, che di cilabilità,come il progetto di bicipolitana intende fare, sia in un’ottica di efficientamento del trasporto pubblico”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui