Ha “male al cuore”. Ma quando viene visitato non emergono mai patologie. Continua però a farsi trasportare in ambulanza con regolarità disarmante al pronto soccorso del Bufalini. Da quale viene poi dimesso.

Adesso sono state svolte delle indagini sommarie. Il sospetto è che quest’uomo, di origini straniere, 55enne ma residente da tantissimo tempo a Cesena, stia cercando di farsi refertare in maniera da anticipare di un paio d’anni la pensione. Lavora in un comparto usurante come quello della manutenzione e della pulizia delle strade. Negli ultimi 12 mesi i vari pronto soccorso della Romagna (prevalentemente il Bufalini ma non solo) ne hanno registrato per 110 volte l’accesso. Quelle in cui è stato dimesso con un referto di sia pur mini a prognosi per la guarigione si contano però sulle dita di una mano.

L’ultimo impegno per il personale del 118 e del Bufalini quest’uomo lo ha “regalato” nella giornata di giovedì. Al mattino ha chiamato una prima volta il 118, tenendosi il petto e dicendo che aveva “male al cuore” ed è stato trasportato in urgenza al pronto soccorso del nosocomio cesenate. Dove è stato sottoposto, naturalmente, a tutti gli accertamenti necessari per capire che… Nulla di patologico fosse in atto in lui. Era stato trattenuto comunque in via precauzionale sotto osservazione. Ma attorno alle 16 medico ed infermieri del pronto soccorso lo hanno dimesso “spiegandogli” che non aveva nessun motivo di restare lì.

Poco male. Tempo tecnico di raggiungere l’ingresso principale del Bufalini (quello dunque a ridosso del bar) che lui è crollato improvvisamente a terra a ridosso dell’uscio. Urlando che stava male. Sul posto è arrivata un’ambulanza che lo ha raccolto e lo ha di nuovo trasportato… Al pronto soccorso del Bufalini.

Ancora controlli ma anche in questo caso nessuna patologia in atto ad emergere. Così in meno tempo questa volta è stato dimesso e gli era stato intimato di “verificare bene” il suo stato di salute prima di chiedere aiuti. Alle 20.30 un’ambulanza è stata fatta convergere alla fine di via Fiorenzuola lato Porta Santi. La stessa persona era a terra, diceva di aver “male al cuore” e di voler andare a Forlì in ospedale. Naturalmente è stato trasportato di nuovo al Bufalini, da dove è stato dimesso in serata.

Il giorno successivo le forze dell’ordine hanno iniziato ad esplorare la vicenda. La tesi su cui si lavora è che il 55enne stia cercando di “darsi malato”, in maniera da provare ad ottenere un anticipo di un paio d’anni sulla pensione di anzianità. Per ora, invece, sta rischiando di accumulare prove a suo carico per una accusa di interruzione di pubblico servizio.

Argomenti:

118

bufalini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *