Pulire e presenziare nel parco 11 settembre per impedire a chi lo occupa per bivaccare e compiere azioni criminose di continuare a sentirsi “padrone del territorio”.
Si sta concretizzando, e prenderà vita per la prima volta nel weekend, l’idea del padre del 18enne rapinato sabato scorso. Che in poche ore ha tessuto le fila della proposta per costringere la baby gang che gravita in zona a sentirsi “fuori luogo” e a migrare altrove.
L’incontro è stato preparato (aperto a tutti coloro che vorranno partecipare) per sabato 3 ottobre alle 18. Un orario che darà modo di avere a disposizione un po’ di luce per raccogliere la spazzatura accumulatasi nel tempo per colpa di chi bivacca nell’area.
Poi l’intento è quello di acquistare qualcosa da mangiare e bere magari al vicino chiosco della piadina (contribuendo ad animare anche quella attività attigua al parco). Una sorta di aperitivo sui generis per “controllare da vicino” la baby gang o chiunque voglia utilizzare quel parco come zona franca per spaccio e rapine.

Argomenti:

gang

parco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *