Cesena, Record di presenze alla Festa dell’Unità: «Siamo una comunità non un comitato elettorale»

Per il Pd di Cesena quella di quest’anno è stata un’altra Festa dell’Unità da record. Lo dicono innanzitutto gli incassi: «Siamo sui 135mila euro – snocciola il segretario comunale Lorenzo Plumari – il 10% in più dello scorso anno, che era stata l’edizione dei record». Se gli incassi crescono lo stesso non si potrà dire degli utili: «Lo sapremo con esattezza più avanti, ma abbiamo deciso di non alzare i prezzi perché la nostra è una festa popolare, nonostante sia aumentato tutto, dalle materie prime all’energia».

Anche quest’anno è un esercito di volontari quello che si è mobilitato nelle 11 giornate di festa a Sant’Egidio: «Anche qui possiamo vantare un trend positivo, quest’anno i volontari erano circa 300, dai 14 anni del più giovane che serviva al tavolo, ai 91 anni di uno dei volontari che veniva la mattina a pulire il pesce. C’è chi è venuto prima per allestire, chi la mattina veniva a fare la preparazione della cucina, chi nel primo pomeriggio a pulire, poi c’erano i servizi al ristorante e di notte i turni nel servizio di sicurezza».

Sono stati 9 gli appuntamenti politici, «tutti di alto livello: Bini, Bersani, Provenzano, Bonaccini, parlamentari, amministratori e segretari». Per oltre 600 presenze complessive. Bilancio positivo per gli 8 eventi delle 18.30 alla “Casa dei pensieri”, novità di quest’anno, circa 200 le presenze complessive in questo caso. Sono raddoppiate le serate dedicate ai giovani organizzate dai Gd, «Entrambi i concerti hanno registrato circa 500 presenze». «Altra serata di grande successo – prosegue Plumari – è stata la serata etnica, che abbiamo organizzato coinvolgendo le associazioni delle comunità di stranieri presenti sul territorio. Dal menù ai temi affrontati, alla sfilata finale è stato tutto molto apprezzato e per noi un bel segnale verso la città, oltre che un’esperienza da ripetere».

«Questi numeri – commenda il segretario territoriale Nicola Dellapasqua – restituiscono l’immagine di una festa che funziona, cresce e si impreziosisce di anno in anno. È sicuramente una edizione che ricorderemo: quando abbiamo cominciata c’era il governo Draghi, al quinto giorno si è formalizzata la crisi di governo. In questo senso è stata davvero anche un laboratorio politico, abbiamo avuto l’occasione, anche attraverso gli appuntamenti politici e gli ospiti, di elaborare insieme questa crisi. Questi confronti sono stati la premessa della campagna elettorale che è cominciata subito dopo».

«La festa è la dimostrazione plastica – sottolinea Dellapasqua – che il nostro è un partito che esiste tutto l’anno: non siamo un comitato elettorale, ma una comunità politica. Questo valore aggiunto ci ha dato forza anche chiedere rappresentanza per la Romagna». «Mancava solo Letta – aggiunge ridendo – ma venerdì recuperiamo». Sarà a Vivere il tempo a San Mauro in Valle alle 18.30 per il lancio della campagna elettorale di Massimo Bulbi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui