Cesena, pronto al debutto il festival Women Power – Voci Plurali

Un festival intersezionale e femminista, si presenta così “Women Power – Voci Plurali” il «mini festival» ideato da Caterina Spanò e Eleonora Giammari che farà il suo debutto domenica al parco Carlo Fabbri di Martorano.

Il progetto è sostenuto dal bando del Comune di Cesena “Che Spettacolo!”, nasce con l’intenzione di sviluppare “Women Power” un’esposizione di artigianato femminile che Spanò organizzò due anni fa al parco. «Ci siamo conosciute in quell’occasione», raccontano. Eleonora Giammari ha 27 anni, è psicologa specializzata in neuroscenze e interprete Lis, Caterina Spanò di anni ne ha 28 è laureata in antropologia culturale e sta studiando educazione e servizi per l’infanzia, è collaboratrice familiare al Bar Martorano e si occupa anche di organizzazione di eventi. A maggio di quest’anno hanno deciso di fare un tentativo con il bando del Comune: «Volevamo fare del parco un contenitore in cui potessero incontrarsi e farsi conoscere realtà diverse del territorio che si occupano di tematiche di genere perché sentiamo forte l’esigenza di creare consapevolezza e occasioni di confronto su questi temi».

Quello a cui hanno dato vita è stato un percorso partecipato: «Abbiamo coinvolto associazioni e collettivi di Cesena, Forlì, Rimini. Realtà molto diverse tra loro per storia e per approccio. Questo all’inizio – ammettono – ci preoccupava, ma in realtà ha funzionato da subito il nostro approccio: quello di chiedere loro di lavorare insieme per trovare il modo giusto perché tutti potessero raccontarsi. Da questa coralità nasce l’idea del sottotitolo “Voci Plurali”». Apeiron, Spazio Caracol, Parla con Kitsune, Le orme di Lilith, Aquilone di Iqbal, Rimbaud Lgbtq Cesena, Limo Aps, Un Secco No alle Discriminazioni, Monnalisa Collettivo, Progetto 11, Not A Bookshop, Pride Off, Centro Donna Cesena, Trama Di Terre, Women In Run Cesena, sono leassociazioni e i collettivi che partecipano al festival proponendo workshop e attività. Per incentivarea conoscerlehanno pensato a un gioco:«A tutti daremo una tesserina su cui raccogliere sei timbri, che si ottengono partecipando alle diverse attività. Una volta completata dà diritto a partecipare all’estrazione di uno degli oggetti realizzati dagli artigiani che esporranno durante la giornata».

Il primo appuntamento domenica è alle 15.30 con Women in Run: «Partiamo da davanti al bar per una passeggiata con rientro alle 16.30 in tempo per l’apertura dei cancelli del parco». Durante la giornata ci sarà spazio anche per l’artigianato creativo e per l’intrattenimento: il Garbuglio partecipa con lo spettacolo “Ferite a morte”, accanto al palco ci sarà un salottino, uno spazio dedicato ai libri che farà da cornice anche all’intervento poetico di Voce Versa. Poi dalle 21 la musica dal vivo di Camilla Perinelli e a seguire un dj set. Non mancherà la possibilità di bere e magiare. «L’idea è quello di regalare alla città un occasione di approfondimento e di consapevolezza, senza rinunciare anche all’intrattenimento. Speriamo partecipino anche tanti uomini».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui