Cesena, pericolosità aggravata dopo la condanna per spaccio: scatta l’espulsione

Il Questore della provincia di Forlì-Cesena ha disposto l’esecuzione del provvedimento di espulsione di un cittadino marocchino, classe 1992, già domiciliato a Cesena, il cui allontanamento era stato ordinato dal Tribunale di Milano, come misura di sicurezza a seguito della sentenza del 2015 di condanna a 5 anni e 8 mesi di reclusione per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. L’allontanamento dal territorio nazionale era stato sospeso durante il periodo di espiazione della pena, scontata dal giovane prima in carcere, poi agli arresti domiciliati e, da ultimo, attraverso l’affidamento in prova ai servizi sociali.
Concluso l’affidamento in prova, il Magistrato di Sorveglianza, considerato l’atteggiamento di S.H., che non ha dato prova di ravvedimento né di essersi reinserito nel tessuto sociale, lavorativo e familiare, ha valutato l’aggravamento della sua pericolosità sociale.
L’Ufficio Immigrazione della Questura ha pertanto verificato le sue esatte generalità, acquisendo dal Consolato Marocchino di Bologna un documento valido per l’espatrio, e ha quindi organizzato il suo accompagnamento coatto, il 27 ottobre scorso, al Centro di Permanenza per i Rimpatri di Potenza, ove lo straniero sarà temporaneamente trattenuto per essere poi riportato nel paese di origine.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui