Cesena, pericolo siccità in campagna: si irriga come a luglio

«Stiamo irrigando come se fosse estate».

Lo afferma Giampiero Valdinoci, imprenditore cesenate, che conta svariate centinaia di ettari di colture in pieno campo.

Spinaci, fagiolini, patate e cipolle sono alcune delle referenze che coltiva nella Centuriazione in zona San Giorgio.

«Non piove e il terreno è totalmente asciutto – dice Valdinoci, titolare di Futuragri – così siamo costretti a irrigare come se fossimo nel mese di luglio. Quando abbiamo seminato gli spinaci e i fagiolini, abbiamo dovuto provvedere al sostegno con acqua altrimenti una volta germogliate le piantine sarebbero subito morte».

Il Canale emiliano romagnolo, da dove gran parte degli agricoltori della zona attingono acqua, è stato invasato ed è quasi pieno. Va però considerato che la sua ‘fonte’ primaria, vale a dire il fiume Po, è in una situazione preoccupante.

Le aree coperte dal Canale non hanno particolari problemi in quanto l’acqua non manca, anche se le irrigazioni a partire da aprile causano un aumento dei costi in campagna.

Più problematica invece risulta la situazione delle colline dove di acqua ve ne è davvero poca.

A livello di Regione Emilia Romagna, sono in progetto interventi per il potenziamento delle infrastrutture irrigue: i Consorzi di bonifica dell’Emilia-Romagna hanno infatti candidato al Piano straordinario nazionale degli invasi 2020-2029 ulteriori 58 progetti, per un investimento complessivo che arriva alla cifra di 730 milioni di euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui