Cesena, patrocinio al gay pride: sindaco sotto attacco

CESENA. Il patrocino del Comune di Cesena al “Gay pride” che si svolgerà a Rimini questo sabato viene trasformato in un terreno di battaglia politica dai “Cattolici nel centrodestra”, coordinati da Stefano Spinelli e rappresentati in consiglio comunale da Enrico Castagnoli, in seno al gruppo “Cambiamo” capitanato da Andrea Rossi.
Si tratterebbe di «un’iniziativa del sindaco, con una nota personale del 4 luglio» e quindi «la questione non pare essere passata in giunta». Enzo Lattuca viene accusato di avere «voluto forzare la mano e imporre una propria scelta ideologica, a dispetto delle diverse sensibilità presenti in consiglio comunale». Così scrivono in una nota i “Cattolici del centrodestra”, che sostengono che «le sfilate dell’orgoglio gay mischiano la rivendicazione dei cosiddetti diritti Lgbt a folklore ed esibizionismo, con esplicite offese e ingiurie di carattere civile e religioso». Poi si lamentano perché sulla questione, «martedì, nella riunione dei capigruppo, è stata presentata dal consigliere Castagnoli una mozione, ma non è stata accolta dalla maggioranza».
Ribadito «il doveroso rispetto verso la dignità di ogni persona, a prescindere dall’orientamento sessuale di ciascuno», i “Cattolici nel centrodestra” prendono le distanze dal manifesto del “Gay pride”, nelle parti in cui auspica «il superamento dell’Apartheid della legge sulle unioni civili» e perciò punta al «matrimonio egualitario, contrario alla Costituzione». Non piace neppure l’appoggio alla «legge contro l’omo-transfobia alla Regione», bollata come «liberticida e ideologica», né la richiesta di consentire alle coppie lesbiche di accedere all’inseminazione artificiale. Attraverso un’interrogazione scritta verrà quindi chiesto all’amministrazione se condivida queste posizioni.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui