Cesena, Orogel pronta a vaccinare 1.500 dipendenti in 15 giorni

Mentre le organizzazioni delle imprese si sono attivate in questi giorni per raccogliere le disponibilità a portare le vaccinazioni dentro le imprese, in modo da accelerare l’immunizzazione dei lavoratori, a Cesena c’è chi ha giocato d’anticipo. È Orogel, il colosso del settore surgelati, che già da quasi un mese aveva fatto questa proposta all’Ausl Romagna. Lo rivela il presidente Bruno Piraccini, che aspetta solo di avere il via libera per vaccinare i suoi dipendenti, che nel comprensorio sono circa 1.500. Ed è pronto a farsi anche carico dei costi: «Mi sono consultato con il nostro medico del lavoro Vincenzo Musumeci, di Gatteo – fa sapere – e mi ha garantito di essere in grado di somministrare le dosi a tutti i nostri lavoratori nel giro di un paio di settimane, assieme alla propria squadra. Le spese da affrontare le sosterremmo noi, come azienda». L’azienda di Pievesestina dispone di spazi ritenuti «adatti: un paio di ambienti sono ampi e dotati di sale separate, che consentirebbero di predisporre anche una reception». Bruno Piraccini confida che, quale semplice cittadino appartenente alla fascia anagrafica 75-79 anni, ha una prenotazione già fissata per il 25 marzo per la somministrazione del vaccino “Astrazeneca”, assieme a sua moglie.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui