Cesena, omicidio alle Vigne: sequestrati beni

Omicidio delle Vigne: il presidente della Corte d’Assise Monica Galassi ha ordinato il sequestro preventivo dei beni dell’accusato di omicidio: il 66enne Giuseppe Di Giacomo, che lo scorso mese di dicembre ha accoltellato mortalmente al parco Fornace Marzocchi “l’odiato” vicino di casa Davide Calbucci. Il provvedimento, che in questi casi viene varato per dare una tutela alle spese di legge necessarie per istruire e sostenere il procedimento aperto, era stato chiesto al pubblico ministero dal difensore della moglie della vittima Alessandro Sintucci, già in sede d’indagine. Il Pm Laura Brunelli, in corso di udienza, ha ribadito questa richiesta e la medesima era arrivata anche dalle altre parti civili (le figlie) tutelate dall’avvocato Marco Baldacci.

Di queste ore la decisione del presidente Galassi. A Di Giacomo sono stati bloccati in sede preventiva ed in attesa di giudizio un conto corrente postale contenente 10.600 euro circa ed una abitazione: un’immobile “di non ingente valore” sito via Napoleone Colajanni a Villarosa (in provincia di Enna). Casa che “il siciliano” Giuseppe Di Giacomo ha in cointestazione con la moglie (una donna che non frequenta da decine di anni, cioè da quando si è trasferito in Romagna). La decisione di bloccare i beni a beneficio del processo e delle risultanze future dello stesso, è arrivata a poche ore dall’udienza di oggi dell’omicidio, che si preannuncia ricca di spunti. Dalle 9.30 di questa mattina verranno ascoltati la moglie della vittima Davide Calbucci, Iwona, altri parenti della vittima ed alcuni vicini di casa che porteranno alle parti quanto a loro conoscenza sulle liti condominiali che vedevano protagonisti Di Giacomo e Calbucci. In aula ci saranno anche alcune tra le donne che nel tempo erano state indicate come “molestate” dal siciliano: altro motivo (le molestie) che ha scatenato le liti tra i due e da sempre indicato come con causa delle tensioni che hanno portato all’omicidio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui