Cesena, ok al progetto tecnico per il centro povertà all’Emporio

Altro passo verso la realizzazione del progetto dell’emporio solidale, uno dei progetti sociali su cui il sindaco Enzo Lattuca ha puntato fin dalla campagna elettorale, nella sua nuova versione potenziata con servizi inizialmente non previsti. Merito di un finanziamento di 910.000 euro grazie al Pnrr, che andrà ad aggiungersi ai 500.000 euro già messi a disposizione dal Comune.

Queste risorse supplementari consentiranno di non limitarsi a creare nello stabile comunale già individuato a Torre del Moro un market dove i bisognosi potranno “comprare” con una tessera speciale una certa quantità di beni essenziali.

Al numero civico 140 di via Guido Rossa, dove diversi anni fa c’era il bar-ristorante “Otello” prenderà forma al piano terra, grazie allo stanziamento del Comune, questo speciale mini-market, che si chiamerà “Epico”, accanto al quale sorgerà un magazzino di 300 metri quadrati. Ma nei locali di sopra, grazie ai fondi del Pnrr, si realizzerà anche un Centro servizi per la marginalità. In questo secondo spazio non ci saranno solo gli uffici dell’emporio, dove si accoglieranno gli indigenti a cui si garantirà la possibilità di fare una spesa “guidata”. È qui che si terranno incontri per definire anche un percorso verso il progressivo recupero dell’autonomia da parte degli assistiti, incluso l’inserimento lavorativo. Ci saranno inoltre sale destinate a laboratori, per esempio sul buon vivere e sulla sana alimentazione, con tanto di cucina. Prezioso lo spazio che sarà predisposto per il fermo posta rivolto alle persone senza fissa dimora di Via delle Stelle, che dall’inizio di questo mese è stato temporaneamente attivato in via Dandini 7, presso il centro di accoglienza diurna “Roverstella”. Ci sarà anche un ufficio per la consulenza legale fornita dagli avvocati di strada.

All’esterno della struttura c’è un ampio parco, che rende ancora più piacevole l’area e durante la bella stagione incoraggerà la socializzazione.

Questa nuova parte del progetto ha ricevuto nelle scorse settimane un impulso importante nell’ambito dell’iter procedurale per arrivare alla sua realizzazione. La giunta comunale ha approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica, necessario per utilizzare proprio quei 910.000 euro del Pnrr che lo scorso maggio il Ministero delle Politiche sociali ha assegnato all’Unione Valle Savio. Serviranno a realizzare quella che è stata formalmente denominata “Stazione di posta-Centro servizi a contrasto della povertà”.

Si conta che il servizio diventi operativo entro la fine del 2023, al termine di lavori che si prevede di iniziare la prossima primavera.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui