Cesena, nuova sfida dal Pnrr per una Malatestiana più accessibile

«Ho subito avvisato gli uffici». Letta la segnalazione di un gruppo di cittadini amanti della Biblioteca Malatestiana riportata ieri dal Corriere, l’assessore alla Cultura Carlo Verona si è subito attivato per assicurarsi che la targa che cita il riconoscimento Unesco della Biblioteca Malatestiana torni a splendere. Nei prossimi giorni la targa ormai scura e ossidata verrà smontata e trattata per ripulirla dei segni delle tempo.

I cittadini che aveva segnalato la targa ossidata facevano notare anche che l’audioguida, attualmente raggiungibile inquadrando i Qr code sui pannelli espositivi, prevede solo la traduzione in inglese. L’assessore Verona in questo caso non solo concorda che sarebbe bello aumentare il numero di lingue a disposizione, ma spiega anche che le audioguide saranno parte di un progetto per aumentare l’accessibilità della Malatestiana che l’amministrazione entro agosto intende candidare a un bando del Pnrr appena pubblicato e dedicato proprio al miglioramento dell’accessibilità degli spazi museali.

«Alla Malatestiana – spiega Verona che è anche assessore all’Inclusione – non abbiamo barriere architettoniche che fisiche, ma di tipo relazionale. Abbiamo appena avviato la riflessione sul progetto, ma l’intenzione è quella di lavorare su questi aspetti. Aumentare non solo il numero di lingue, ma migliorare anche la qualità in termini di cadenza e ritmo delle audioguide, così da renderle meglio fruibili dalle persone non vedenti o ipovedenti. Vogliamo migliorare anche la segnaletica interna, creare percorsi tattili creando copie di manufatti e manoscritti che possano essere toccati. Vorremmo realizzare una copia di un manoscritto con i caratteri e i fregi a rilievo, credo sarebbe bello per tutti poterlo toccare, rendersi conto della consistenza delle pagine».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui