Cesena: nuova mappa per le ambulanze e l’emergenza

La mappa delle ambulanze e del personale del 118 in servizio sul territorio ha cambiato logisticamente alcuni luoghi e parte dell’organizzazione. Da inizio anno la vallata del Savio ha ricevuto qualche segno di maggiore copertura degli eventi urgenti. A parità di personale il gioco della “coperta corta” lascia contestualmente qualche nuova perplessità sugli impegni (sempre gravosi) che il servizio avrà con le aree di pianura.

La novità nata con il 2022 riguarda il cuore della vallata del Savio. Sarsina ora ha una sua ambulanza fissa in orario diurno.

Si tratta del mezzo numero 79 che alle 7 del mattino parte da Cesena per collocarsi come base di partenza per le emergenze urgenze alla Casa della salute di Sarsina (via Martiri d’Ungheria a fianco del centro prelievi). Si tratta di un nuovo mezzo (in funzione ogni giorno fino alle 19) destinato a seconda dei momenti in cui è o meno impegnato a dare maggior dinamismo territoriale all’ambulanza 78 (quella di Mercato Saraceno) ed a quelle dell’alta valle Savio di San Piero e Bagno di Romagna.

In alta Valle Savio, dove normalmente una delle ambulanza è medicalizzata, sempre in orario diurno 7/19 nascerà una nuova auto medicalizzata. Che si muoverà soltanto quando la chiamata di soccorso al 118 sarà per un’emergenza grave. Le ambulanze di Bagno dunque di giorno non avranno in automatico il medico a bordo. medico che risalirà in ambulanza fisso nel turno notturno. La nuova medicalizzata (come l’ambulanza 79) era stata programmata in partenza dal 1° gennaio, ma ancora il progetto è sospeso per carenza di autisti infermieri.

Se la Valle del Savio “ride” lo stesso non si può dire per la bassa valle del Rubicone. Da tempo il sindaco di Gambettola aveva messo a disposizione la logistica per avere una ambulanza a presidio (baricentrica tra quelle di Cesena e quella di Savignano). Ma la riorganizzazione decisa per il 2022 ha lasciato Gambettola all’asciutto con il cuore di pianura del Rubicone che verrà raggiunto dai soccorsi da Cesena e da Savignano come avveniva in passato.

Una fetta consistente di riorganizzazione dell’emergenza urgenza passa da inizio anno ancor di più dalla Croce Rossa rispetto al passato.

Da programmazione entro fine di gennaio (ma andrà a regime entro giugno) le ambulanze di Cesenatico hanno tutti autisti di formazione Croce Rossa a bordo dei mezzi dove gli infermieri invece saranno tutti Ausl.

In capo alla Croce Rossa anche il servizio di trasporto interospedaliero e dei viaggi secondari (ambulanze 66 ed 88) con personale infermieristico della cooperativa ed autisti volontari.

Tra le novità che coinvolgono la Croce Rossa di Cesena c’è anche un appalto (12 mila euro annui) che riguarda il lavaggio delle ambulanze. In linea teorica infatti l’attuale sede del 118 tra palazzine e garage sotto all’eliporto del Bufalini non ha una divisione delle acque di scolo adatta alla pulizia dei mezzi. E quindi qui i mezzi di soccorso non potrebbero più essere lavati.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui