Ondata di indignazione dal mondo politico e sindacale per l’annuncio immobiliare online riportato dal Corriere Romagna palesemente discriminatorio relativo a un monolocale con bagno da affittare nella zona di via Savio. Contiene l’esplicita indicazione “no stranieri”. Non pare essere un problema né per chi gestisce il portale casa.it che ospita l’offerta, con canone mensile richiesto di 410 euro per 40 metri quadrati, né per il proprietario dell’appartamento. È però inutile girarci attorno. Un rapporto di locazione privata poggia su basi fiduciarie. L’affidabilità dell’inquilino come pagatore è per esempio una variabile che ha senso prendere in considerazione. Ma se si mette un filtro preventivo di quel tipo, escludendo chiunque non sia italiano, si fa un gesto, se non smaccatamente razzista, discriminatorio. E anche stupido, perché esistono tanti stranieri con lavori stabili e buste paga tali da dare garanzie ai proprietari.
E così le reazioni non si sono fatte attendere. Da parte di sindacati e partiti di sinistra
Per la Cgil quell’annuncio immobiliare «non può e non deve passare inosservato e impunito, perché in base alla normativa vigenti e in base alla nostra Costituzione è vietato il comportamento di carattere razziale, per cui si chiede all’autorità competente di intervenire in modo deciso e determinante per stroncare sul nascere il ritorno a un passato che è stato giudicato dalla storia». E parlano di comportamento «a dir poco ignobile e razzista».
La Cisl Romagna esprime «sconcerto»: «Ci indigna come l’inserzionista non si accorga della pericolosità di ciò che afferma. Queste discriminazioni non sono più accettabili». Anche la Uil mette i puntini sulle i: «Una società moderna e civile non può immaginare che etichette di tipo razziale possano selezionare la possibilità di rispondere alle proprie esigenze di vita».
Dal punto di vista politica, condanne senza se e senza ma da Lorenzo Plumari, capogruppo del Pd e dalla lista civica “Fondamenta”.

Argomenti:

casa

razzismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *