Cesena, maestro accusato di violenza: la vittima non può testimoniare

Maestro di sostegno accusato di abusi sessuali nei confronti di una alunna di 7 anni. Si è chiuso davanti al gip Massimo De Paoli, al pm Filippo Santangelo, al difensore dell’uomo Raffaele Pacifico ed al legale che tutela la vittima tramite i suoi genitori (avvocato Giorgio Cecchini) l’incidente probatorio sulla vicenda. In aula ha depositato le risultanze della sua perizia il consulente del Gip. Ha dichiarato la piccola non in grado di sostenere una testimonianza processuale, per dichiarare quanto i suoi genitori avrebbero intuito presentando denuncia: che sarebbe stata “toccata” nell’intimo dal suo insegnante di sostegno.
L’uomo, 50enne che ancora insegna ai disabili, è finito al centro dell’inchiesta dopo che la piccola, affetta da una malattia che la rende incapace di comunicare correttamente col mondo che la circonda, aveva palesato disagi. Dai quali i genitori hanno intuito che avrebbe subito molestie da parte dell’insegnante. Accuse che non hanno trovato riscontro nei controlli della scuola e che l’indagato ha sempre respinto. Chiuso ieri l’incidente probatorio adesso il fascicolo torna in mano alla procura. Che dovrà decidere se chiedere il rinvio a giudizio del maestro o l’archiviazione della denuncia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui