Cesena, lavori lumaca sulla E45: la mappa dei ritardi

I lavori alla galleria Roccaccia sono ormai oltre il surreale, dopo che la canna in direzione nord, di cui era stata annunciata la riapertura nella serata di venerdì, è rimasta invece chiusa, con la prospettiva di lavori almeno fino al 19 marzo. L’ennesima beffa dopo le ripetute promesse. Ma non è un caso isolato. Sono tanti i grossi interventi in corso sulla E45 che aspettano di essere ultimati e “sforano” regolarmente i tempi previsti. E in qualche caso, come il necessario adeguamento della galleria di Quarto, si deve ancora partire. Questa la situazione.

Galleria di Quarto

Anche per questa galleria, come per quelle della Roccaccia a Bagno di Romagna e di Montecoronaro, il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici aveva segnalato a novembre 2019 la non conformità ad Anas. Le regole europee sui requisiti di strade come la E45 risalgono a 17 anni fa e la legge italiana di recepimento è del 2006, con la previsione per i gestori di adeguare le strade entro 13 anni, cioè entro il 30 aprile 2019. Le direttive Ue richiedono per gallerie come questa di lunghezza superiore ai 500 metri la presenza di colonnine sos, di vie di fuga, di un’adeguata illuminazione, di camere a tenuta stagna in caso di incendio, di un tutor (tecnico responsabile), di sistemi di videosorveglianza attivi h24. Il 30 marzo scorso la Commissione permanente delle gallerie ha diffidato i gestori affinché adottino immediatamente misure temporanee di limitazione della circolazione. L’assessore regionale alle Infrastrutture Andrea Corsini all’inizio di maggio 2020 ha chiesto all’allora ministra Paola De Micheli di accelerare le procedure, in vista di una predisposizione dei cantieri. Da allora non risultano novità.

Svincolo San Piero

Lo scorso 20 gennaio è stato aperto al traffico lo svincolo provvisorio di San Piero della E45, all’uscita direzione sud. Lo svincolo era stato chiuso 13 mesi prima, il 23 dicembre 2019, per la caduta delle mattonelle di rivestimento del muro di contenimento a monte della corsia di marcia. Successive verifiche hanno fatto emergere problemi più consistenti di tenuta del muro e stanno proseguendo i lavori di ripristino (il cantiere è stato avviato dopo oltre 8 mesi, l’1 settembre 2020). Il termine per ultimare l’intervento era stato fissato al 4 febbraio 2021 e ora «è in fase di ridefinizione»; i lavori risultano realizzati per l’82,44%.

Galleria Roccaccia

Alla galleria Roccaccia di Bagno di Romagna, con lavori consegnati nell’aprile 2017 e durata prevista di un anno, la carreggiata in direzione nord è chiusa almeno fino al 21 marzo. Nella scheda Anas si legge che i lavori sono stati realizzati al 100% ma anche che la data del termine lavori «è in corso di ridefinizione».

Galleria Montecoronaro

Anche per la galleria di Montecoronaro i lavori erano stati consegnati nell’ormai lontano mese di aprile 2017, con previsione di completamento entro un anno e ripetuti impegni e promesse da parte di Anas. Attualmente, dopo un riappalto che si è concluso il 29 ottobre 2019, i lavori dovrebbero terminare il 31 ottobre 2021, con lavori effettuati per il 49,94%.

Viadotti

Tutte “in corso di ridefinizione” le date di ultimazione lavori per il viadotto sul Savio, subito oltre la galleria Roccaccia (consegnato il 5 febbraio 2019 e con avanzamento lavori al 99,82%), il viadotto Teveriola 1-bis (consegnato l’11 maggio 2020 ed al 16,17%) e Teveriola 1 (consegnato il 5 febbraio 2019 ed al 61,295), entrambi oltre la galleria Montecoronaro.

Svincolo Canili

Allo svincolo dei Canil si transita da tempo sul ponte che dall’uscita della carreggiata sud attraversa la E45 e conduce all’area di servizio e alla strada per Ville di Montecoronaro e Balze. Dalla scheda Anas risulta che i lavori, consegnati il 19 giugno 2018, sono realizzati per il 99,96%, ma anche qui il termine è “in corso di ridefinizione”.

Puleto e Tevere IV

Non è più incoraggiante lo “stato dell’arte” anche per i famosi viadotti Puleto e Tevere IV che si incontrano appena si entra in Toscana. Al Puleto lavori consegnati l’8 luglio 2019 e realizzati per il 27,28%, con data finale “in corso di ridefinizione”. Per il Tevere IV il via libera al cantiere è stato dato il 16 maggio 2019 e il completamento è atteso per il 13 settembre 2022: peccato che ad ora risultino effettuati per l’1,74%.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui