Ci risiamo. Un nuovo tentato furto a un chiosco di piadina. Questa volta solo tentato, perché i malviventi, sicuramente più di uno, se ne sono dovuti andare a bocca asciutta. Ma non senza aver procurato danni ingenti alla struttura. In passato, prima del lockdown, si erano registrati furti notturni a raffica nei chioschi di piadina cesenati.

Ad accorgersi della tentata effrazione è stata la titolare al momento della riapertura di ieri mattina. «Mi sono accorta subito – racconta – che qualcuno aveva provato a sfondare, senza riuscirci. Non dalla porta sul retro, che è rinforzata e ha anche una inferriata di protezione. Hanno cercato di sfondare la finestrella dove serviamo i clienti, sul davanti. Hanno colpito ripetutamente la struttura di metallo, ma è doppia e anche questa rinforzata con un pannello e quindi non sono riusciti a entrare. Ma hanno danneggiato il pannello in metallo e piegandolo anche la serratura. Per rubare cosa poi non si sa. Dentro non teniamo niente, neanche gli spicci per il fondo cassa. Ma abbiamo comunque subito un grosso danno e questo ci fa arrabbiare».

Di certo i malviventi hanno agito in piena notte, a poche decine di metri dalla Barriera, facendo sicuramente molto rumore, ma nessuno ha avvisato le forze dell’ordine fino a quando ieri mattina i proprietari del chiosco hanno chiamato la polizia per segnalare quanto accaduto. E i banditi erano convinti di riuscire a entrare da uno spazio piuttosto angusto, perché la finestrella non è tanto grande.

Argomenti:

chiosco

furto

ladri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *