Cesena, in fuga dalla polizia locale si butta da 5 metri: ferito

Ha cercato di scappare da una pattuglia di polizia locale, probabilmente perché sapeva di non essere in regola con i permessi per poter restare in Italia.

Ha sovrastimato le sue capacità atletiche. O forse ha sottostimato l’altezza delle mura dalle quali si è gettato nel vuoto. Anziché riuscire a scappare, è finito prima in ambulanza e poi in ospedale.

Verrà nuovamente avviato alle procedute di espulsione dall’Italia Tarik Akliani: 36 anni tunisino e vecchia conoscenza delle forze dell’ordine cesenati. Prima è dovuto restare a lungo sotto osservazione all’ospedale Maurizio Bufalini di Cesena. Per verificare lo stato delle lesioni e dei traumi da precipitazione subiti mentre scappava da una pattuglia della polizia locale di Cesena.

I fatti hanno preso vita due pomeriggi fa in via Riceputi Scevola: in pieno centro sul fianco destro del complesso del S. Agostino.

I residenti di una palazzina avevano chiamato in auto la polizia locale per un controllo. Sentivano infatti dagli scantinati dell’edificio residenziale dei rumori sospetti, e temevano l’agire di ladri o altri malintenzionati.

L’auto della polizia locale è arrivata velocemente. Su indicazione dei residenti sono stati indirizzati nell’area dello scantinato dove, abusivamente, avevano preso “alloggio” 4 persone, visivamente straniere di origine.

Si erano sistemati portando alcuni oggetti di proprietà da utilizzare come mobilio. Ed avevano stesso a terra dei giacigli in cui riposare all’occorrenza. Difficile capire come fossero riusciti ad entrare in possesso delle chiavi per arrivare nella parte bassa della palazzina. Era ciò che gli agenti stavano cercando di verificare. Assieme all’identità dei 4. Quando la situazione è cambiata radicalmente.

I protagonisti dell’occupazione abusiva sono risaliti fino alla via Riceputi Scevola. Ed all’unisono hanno iniziato a scappare. Inseguiti dagli agenti di PL. La fuga di Tarik Akliani è durata poco pià di un centinaio di metri. Ha imboccato velocemente la via Pier Maria Caporali ed ha scavalcato al volo il muro che la separa dalla sottostante via Quattordici.

Una manovra tentata in un punto troppo alto della strada. Il 36enne si è schiantato a terra da un’altezza di circa 5 metri, chiudendo dolorosamente il tentativo di fuga.

Per soccorrerlo è servita un’ambulanza. È stato posto sotto osservazione in pronto soccorso dove, tra un esame ed una radiografia, è stato ricoverato fino al tardo pomeriggio di ieri. Non è in pericolo di vita e non ha riportato lesioni che ne compromettano la mobilità.

Tarik Akliani è una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine di zona. Tunisino: l’ultimo arresto che ha subito risale allo scorso inizio febbraio. Dopo la condanna (ad un anno e 4 mesi per furto di una vettura con la quale si era poi schiantato), aveva ricevuto per l’ennesima volta il diniego di soggiornare a Cesena ed un decreto di espulsione.

Finite le cure al Bufalini per lui sono ripartite le pratiche d’identificazione e stesura dei documenti per espellerlo dall’Italia.

Commenti

  1. Volevo solo informare che alcuni di questi inquilini abusivi,sono ancora ospiti indesiderata dei sotterranei del complesso citato nell’articolo. Sono un residente del complesso e purtroppo devo denunciare l’ormai presenza assidua e pluriennale di questi intrusi.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui