Cesena, imbrattamenti con lo spray in centro: assolti tutti i 6 imputati

Blitz in centro con lo spray ed imbrattamenti a fontane e mura del centro: ieri si è concluso il processo in tribunale a Forlì, con tutti i 6 imputati assolti.
I fatti risalgono alla notte del 13 febbraio 2020, quando in pieno centro comparvero un’infinità di scritte fatte con lo spray da mani misteriose. Un gruppo di persone per le accuse identificate poi con l’ausilio di immagini registrate da telecamere. Nel mirino finì anche la fontana di piazza Amendola, assieme a muri di diversi edifici in una mezza dozzina di vie.
A processo chiedevano il risarcimento dei danni il Comune (tramite l’avvocato Fiammetta Zoffoli) ma anche l’Asp e i condomini di palazzo Belletti, che si trova in via Manfredi.
Gli imputati erano E.M., S.V., A.T., G.B., P.M. e A.P., tutti over 30 e residenti tra Cesena, Gambettola, Forlì e Lugo.
Durante quella folle nottata invernale, il vandalismo si concentrò in modo particolarmente evidente sulla fontana monumentale in marmo nella piazzetta di fianco al municipio.
Poi altre scritte tra le vie Manfredi, Zeffirino Re, via Milani, via Righi e via Isei. Gli imputati sono stati assolti tutti col secondo comma. Quella che il vecchio codice definiva come “insufficienza di prove”. Il giudice si è preso 90 giorni per consegnare alle parti le motivazioni della sentenza.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui