panoramica cesena

Nel corso del 2020 la popolazione del comune di Cesena risulta ufficialmente aumentata di 92 abitanti, assestandosi il 31 dicembre scorso a quota 97.282 residenti, ma i decessi sono cresciuti in misura notevole, a conferma dell’impatto sulla mortalità che ha avuto, e purtroppo continua ad avere, il Covid-19. Per la precisione, l’anno scorso i lutti sono stati 1.189, a fronte dei 1.100 del  2019. Dall’ufficio statistiche del Comune fanno notare che “l’emergenza sanitaria vissuta nella nostra città e l’alto tasso di popolazione over 75 (pari al 14%) influiscono su questo dato. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria e fino al 31 dicembre, sono stati 97 i decessi di cittadini classificati Covid. Gli anziani hanno costituito la parte di popolazione più vulnerabile agli effetti dell’epidemia da coronavirus”. Si sono monitorati, di settimana in settimana, i decessi registrati allo Stato Civile di Cesena, in modo particolare  quelli che interessavano le persone con 75 anni ed oltre, mettendoli a confronto con gli stessi mesi degli anni precedenti. Il risultato parla chiaro: nel 2020 si è riscontrato un aumento del +7,8%, che si è aggiunto a un precedente incremento del 7,1% che già c’era stato nel 2019.

Più in generale, nel 2020 c’è stato un saldo naturale decisamente negativo (-565), debolmente mitigato dal saldo migratorio che si colloca in territorio positivo (+96). Rispetto ai dati dell’anno precedente, il numero dei nati del è stato sostanzialmente uguale: 624 in totale contro i 620 dello scorso anno, di cui 128 stranieri (20,5%). A guidare la classifica provvisoria di questi nuovi cesenati con cittadinanza straniera troviamo al primo posto l’Albania con 23 nuovi nati. Seguono il Bangladesh (18), la Romania (17), la Nigeria (15) e il Marocco con 14 nati. Alla fine, però, i dati anagrafici indicano una lieve crescita totale della popolazione, a seguito di un adeguamento eseguito da Istat sulla base delle risultanze del Censimento permanente e di Anpr. 

Argomenti:

covid

demografia

morti sospette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *