Cesena, il Comune cerca un gestore per la rete bibliotecaria

Il Comune di Cesena cerca un nuovo gestore per i servizi bibliotecari. Il bando è stato pubblicato dalla stazione unica appaltante dell’Unione Valle Savio lo scorso 5 ottobre e ci sarà tempo fino alle 13 del 2 novembre per presentare le candidatura. Si tratta di un bando ambizioso non tanto (o non solo) per l’importo ma perché si presenta come esito “naturale” del percorso che l’amministrazione ha scelto di intraprendere con Con.te.sto, l’iniziativa nata per dare nuovo slancio alle biblioteche di quartiere.

La premessa di Con.te.sto

Tra gli obiettivi principali di quel percorso, ricorda la dirigente Elisabetta Bovero, c’era quello di fare delle biblioteche decentrate di quartiere, «nodi stretti della rete bibliotecaria cittadina», ed è in questo contesto che va letta la scelta di realizzare un unica gara per affidare quei servizi bibliotecari che da tempo l’amministrazione esternalizza. In questo momento ci sono tre appalti: Euro&Promos gestisce i servizi bibliotecari della Malatestiana, a Borello c’è Atlantide e l’animazione dei punti di lettura è affidata a Archeosistemi, in tutti e tre i casi l’appalto è in scadenza e per il rinnovo l’amministrazione ha scelto la strada dell’appalto unico. Il bando richiede infatti espressamente «una coerente impronta progettuale e azioni sinergiche sia in sede di predisposizione delle offerte sia in sede di esecuzione, al fine di ridurre i rischi di interferenza, assicurare l’unitarietà della realizzazione degli interventi, nonché garantire un coordinamento dei periodi di chiusura, un calendario condiviso di attività e un minimo di flessibilità nell’impiego dello stesso personale nelle varie sedi di lavoro». Di dare insomma sostanza alla premessa creata da Con.te.sto e fare delle biblioteche parte integrante di una rete che ha nella Malatestiana il suo punto di riferimento principale.

L’importo, la durata, le sedi

L’appalto avrà una durata triennale, dal primo gennaio 2023 a fine 2025, l’importo a base di gara ammonta a 1.486.535,43 euro al netto dell’Iva. È prevista la possibilità di una proroga per un ulteriore triennio, questo fa sì che il valore del bando sia in realtà più alto: ammonta infatti a 3.265.732,43 euro perché tiene conto dell’eventuale rinnovo e delle potenziali proroghe tecniche. Chi se lo aggiudica dovrà occuparsi dei servizi bibliotecari, di quelli didattici della biblioteca Malatestiana e delle biblioteche decentrate di Borello (già attiva) e del Cervese Sud e dell’animazione dei punti lettura nei Quartieri.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui