Cesena, il capolavoro di Plt: ceduta per 800 milioni al Gruppo Eni

Il piccolo impero delle energie rinnovabili con base a Cesena, cresciuto a vista d’occhio, scatena gli appetiti di un colosso internazionale, che lo acquista a un prezzo stratosferico. Non è stato ufficializzato ma si vocifera di ben 800 milioni di euro. L’azienda ceduta è “Plt Energia”, con sede in via Dismano, e a metterci le mani sopra è stata “Plenitude”, società del Gruppo Eni. È appena stato firmato l’accordo per l’acquisizione del 100% del capitale della Srl cesenate e dei suoi “satelliti”, così come di “Sef Srl”, anche in questo caso incluse le società controllate e partecipate.
Pierluigi Tortora, presidente dei due gioiellini “green” venduti, esprime «soddisfazione, orgoglio e serenità» per l’operazione condotta in porto, facendo notare che «Eni-Plenitude si pone ai primi posti sullo scenario internazionale, con un ambizioso piano di crescita nel settore delle energie rinnovabili». Spiega che «sono stati apprezzati la validità degli asset, la pipeline e il modello organizzativo di “Plt Energia”, frutto di competenze e professionalità delle risorse umane, ed è proprio grazie a loro che abbiamo potuto raggiungere negli anni significativi traguardi».

Pierluigi Tortora, presidente e fondatore di Plt


Stefano Marulli, amministratore delegato di “Plt Energia” e amministratore unico di “Sef” sottolinea che il segreto del successo è stata «la lungimiranza delle scelte strategiche che negli anni hanno portato il Gruppo ad essere il primo operatore indipendente italiano, con respiro internazionale, integrato sia nella produzione che nella vendita retail di energia elettrica e gas. L’integrazione col modello di business di “Plenitude” permetterà al management e a tutti i collaboratori di valorizzare l’esperienza acquisita per contribuire agli obiettivi dichiarati, in un settore sempre più competitivo e capital intensive».
Ora bisogna solo attendere le ultime autorizzazioni prima di perfezionare l’operazione nella quale Rothschild & Co ha svolto il ruolo di advisor finanziario esclusivo di “Plt” e “Sef”, mentre gli studi Bonelli Erede e Orsingher Ortu sono stati gli advisor legali, EY l’advisor contabile e fiscale e Fichtner l’advisor tecnico.


Un miracolo di obiettivi centrati

“Plt” e “Sef” hanno saputo affermarsi in pochi anni nel campo della realizzazione e gestione di impianti di produzione di energia da fonte eolica, fotovoltaica e biomasse, nonché nella vendita di energia elettrica e gas a clienti finali. Con una capacità installata in Italia pari ad oltre 400 MW, per l’80% già operativi e per il 20% in costruzione, con avvio atteso entro il 2024, a cui si aggiunge un programma di attività che prevede lo sviluppo di oltre 1,2 GW tra Italia e Spagna nel prossimo quinquennio, il Gruppo cesenate è riuscito a cogliere al volo la grande opportunità della transizione energetica. E lo ha fatto gestendo in completa autonomia tutte le fasi, dallo studio di fattibilità all’installazione e gestione degli impianti, e integrandosi poi a valle con la vendita di energia green ai clienti finali.
Un ruolo importante lo ha avuto anche Fiee, primo fondo di equity italiano che è azionista di minoranza (19,3%) di “Plt Energia” ed è dedicato esclusivamente al settore della transizione energetica, con circa 400 milioni di euro in gestione, per la gran parte già investiti in 9 società, con oltre 1.100 persone impiegate, circa 200 milioni di ebitda sviluppato. Il suo co-amministratore delegato, Raffaele Mellone, parla di «operazione di cessione molto prestigiosa per Fiee» e l’altro co-ad, Andrea Marano, ricopre di elogi «la famiglia Tortora, che ha saputo guidare la società con professionalità e forte spirito imprenditoriale».


L’acquirente del mondo Eni

Quanto a “Plenitude”, è la società benefit di Eni che integra la produzione di energia 100% da fonti rinnovabili, la vendita di servizi energetici e un’ampia rete di punti di ricarica per veicoli elettrici. Fornisce attualmente energia a circa 10 milioni di clienti europei nel mercato retail, con l’obiettivo di salire entro il 2025 sopra 11 milioni, installare 30.000 punti di ricarica e disporre di 15 GW di capacità installata entro il 2030.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui