Cesena: green pass: il bar Babbi gioca d’anticipo con l’avviso

Ogni esercente preferirebbe che non ci fosse bisogno del green pass, ma c’è chi se ne fa una ragione, anteponendo le regole a tutela della collettività ai propri affari. E anzi gioca d’anticipo, esponendo fin d’ora avvisi per preparare i clienti agli obblighi che scatteranno dal 6 agosto nei locali al chiuso. Anche per cercare di evitare reazioni spiacevoli. È il caso del “Babbi Cafè” a Palazzo del Ridotto, nel pieno centro di Cesena, che è indiscutibilmente il locale di questo tipo più frequentato in città. Per buona parte della giornata, incluso il dopocena, gli avventori occupano quasi tutti i numerosi tavolini che ha all’esterno, disposti sia sotto il porticato, sia sulla fiancata a sinistra, in sostituzione di quelli che si sono dovuti rimuovere sul lato opposto, a causa dei cantiere per la riqualificazione delle tre piazze. Ma Gianni Babbi, direttore marketing della società di famosi prodotti dolciari, di cui il bar è un’emanazione, sa che tra pochi giorni la strada si farà più in salita: «Inevitabilmente, col green pass, ci saranno problemi – afferma – perché non tutti i clienti che si accomodano dentro il locale sono ben disposti ad accettare le regole. Anzi, più di una volta, qualcuno maleducato, anche quando c’era il sistema dei colori, si è lasciato andare ad esternazioni poco simpatiche offendendo il personale, che non c’entra niente ma osserva semplicemente le regole. Regole che dobbiamo essere fiduciosi vengano fissate per essere d’aiuto a tutti e per cercare di uscire da questa situazione assurda. Regole che comunque vanno rispettate». Perciò all’inizio dei gradini che conducono al confortevole soppalco all’interno del bar Babbi è già stato esposto un cartello, dove si legge che per salire è «necessario esibire in cassa green pass + documento d’identità» e si cita il riferimento normativo: il D.L. 105 del 23 luglio. Naturalmente questo obbligo non è già in vigore, ma spiana il terreno a quanto accadrà fra tre giorni. Babbi è consapevole che ci sarà comunque qualche contraccolpo: «Ora il bel tempo e il caldo aiutano, ma tra due o tre settimane, soprattutto di sera, inizierà ad essere meno invitante sedersi ai tavolini all’aperto e sempre più persone vorranno sedersi all’interno, con necessità del green pass. E purtroppo attività come quelle dei bar e dei ristoranti saranno di nuovo penalizzati, come sta d’altronde avvenendo dall’inizio della pandemia. Però – conclude, con un sano realismo – c’è poco da fare: bisogna prenderne atto e accettare quanto viene deciso, sperando che chi deve fare delle scelte in questa condizione d’emergenza le faccia sempre per il meglio».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui