Cesena, giovane agricoltore selezionato a livello mondiale

Matteo Pagliarani, classe 1994, è uno dei tre italiani, tutti per una fortuita coincidenza romagnoli, selezionati dall’Organizzazione mondiale degli agricoltori (Oma) per la seconda edizione di Gymnasium, un percorso biennale di formazione internazionale per giovani agricoltori.

Matteo Pagliarani, 26 anni, di Mercato Saraceno, è perito agrario e lavora nella cooperativa di famiglia “Clorofilla”, azienda agricola di cui gestisce in prima persona il ramo turistico. È coordinatore di Agia, l’associazione dei giovani di Cia Romagna e formatore professionale per il settore agrituristico. Autore del libro “Non volevo fare il contadino” da tempo porta avanti il suo progetto di sensibilizzazione dedicato alla riscoperta e valorizzazione del settore agricolo, soprattutto tra i più giovani.

Quello che ha appena cominciato è un percorso di crescita professionale che l’Oma ha pensato per i futuri leader del settore grazie a occasioni di condivisione delle conoscenze e delle esperienze attraverso lezioni e il coinvolgimento in eventi internazionali come le sessioni plenarie del Comitato per la sicurezza alimentare mondiale, il Forum globale sull’alimentazione e l’agricoltura e la Conferenza delle parti Unfccc, Cop e Forum politico ad alto livello delle Nazioni Unite. In primo piano i cambiamenti climatici e la sostenibilità ambientale, economica e sociale, le filiere agricole e il reddito degli agricoltori.

Quando ha scoperto di essere stato selezionato la prima reazione è stata di incredulità. Matteo Pagliarani sa che l’opportunità è di quelle uniche e anche per questo è pronto ad affrontare il percorso con la massima serietà: «Il mio punto debole è l’inglese, ma sto studiando. I seminari sono interessantissimi, i temi affascinanti e attuali, si lavora tanto non solo sulle competenze ma anche sullo scambio di esperienze ed emozioni. Non sono mai stato un timido ma sento anche la responsabilità del fatto che non rappresento solo me stesso ma anche la mia associazione». Con lui in rappresentanza dell’Italia ci sono anche altre due ragazze: «è stato bellissimo scoprire che con me ci sono altre due romagnole»

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui