Cesena, è morto Renzo Scarpellini, paladino della Gronda

È morto Renzo Scarpellini, per decenni protagonista della scena politica e sociale a Cesena, e in particolare a S.Egidio. Era ricoverato dal 24 dicembre alla clinica “Malatesta Novello”, dove è spirato ieri. Dopo avere militato nel Pci, nelle cui file fu eletto consigliere comunale nel novembre 1964, quando era sindaco Antonio Manuzzi, ricoprendo quella carica fino al 1970, Scarpellini era poi diventato un esponente di punta del Pd nel mondo dei Quartieri. È stato a lungo presidente del Cervese sud. Fuori dagli organismi istituzionali, aveva lasciato il segno anche come segretario del Partito Comunista di S.Egidio e della locale Casa del popolo. Dal punto di vista lavorativo, si era guadagnato da vivere facendo il muratore. L’eredità più importante che ha lasciato, per quel che riguarda il suo impegno politico e civile, è la realizzazione della Gronda Bretella. Aveva voluto con forza quell’arteria stradale, che è destinata a diventare ancor più fondamentale quando sorgerà il nuovo ospedale dalle parti del casello autostradale di Villachiaviche. Il suo ruolo nella concretizzazione di quell’opera gli fu anche riconosciuto al momento dell’inaugurazione nel 2014, quando l’allora sindaco Paolo Lucchi gli consegnò una pergamena di ringraziamento. Il Pd, appresa la notizia, ha subito espresso il proprio cordoglio per la scomparsa di Scarpellini e il proprio apprezzamento per il suo prezioso operato. gpc

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui