Cesena: “Crudele trappola abusiva per cinghiali”

«Sono un cacciatore ma ci sono comunque rimasto molto male. Perché quello non è cacciare, ma un atto di crudeltà».

La protesta arriva dalle campagne periferiche di Cesena. Da una zona a ridosso del fiume Savio dove “qualcuno” ha installato una trappola per cinghiali.

Le lamentele del comparto agricolo per l’eccessiva presenza di ungulati a rovinare le colture non mancano mai. Così come le richieste di caccia in deroga per abbassare il numero di cinghiali presenti nei vari territori.

«Tutti argomenti che non giustificano ciò che ho visto e fotografato in via Germazzo, vicino alla centrale elettrica di Molino Cento. Qui ci sono effettivamente molti animali selvatici. Qualche cacciatore ha montato da diversi giorni una trappola per catturare i cinghiali, cuccioli inclusi. Vengono attirati dentro alla gabbia con una pastura a base di mais della quale sono ghiotti. Finiscono dentro una gabbia saldata che li intrappola. E poi vengono uccisi. Sono molto amareggiato: quella non è caccia. È crudeltà».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui