Cesena, corsa contro il tempo per nido e mensa scolastica

Circa due mesi a disposizione per portare a termine la progettazione esecutiva del nuovo nido e della mensa scolastica che dovranno essere pronte entro la fine del 2025 all’interno del complesso scolastico a Villachiaviche. Sono i tempi serrati concordati lo scorso agosto dal sindaco e dal Ministero dell’Istruzione per beneficiare di due importanti finanziamenti del Pnrr: 1 milione e 440.000 euro per i locali destinati a ospitare bimbi fino ai tre anni d’età e 480.000 euro per gli spazi per la refezione scolastica.

Quel patto contiene anche altre scadenze pressanti, che andranno rispettate se non si vogliono perdere quei fondi. I lavori andranno aggiudicati entro la fine del prossimo mese di marzo. L’intervento andrà avviato entro il 30 giugno 2023 e dovrà essere concluso, come detto, entro il 31 dicembre 2025. Dopodiché l’ultima tappa sarà il collaudo, che andrà fatto entro la prima metà dell’anno 2026.

Qualche settimana fa è stata presentata una proposta per la progettazione definitiva e la direzione artistica dei due interventi. A farsi avanti è stato un raggruppamento temporaneo di imprese formato da “Officina Meme Architetti Srl” e dallo “Studio Tassinari Associati”. Dal Comune è poi arrivato l’ok ad affidare a quel tandem l’appalto di servizio di ingegneria e architettura in questione, per un costo complessivo di circa 150.000 euro. Si tratta di una somma del 10% più bassa rispetto alla base di partenza fissata dal Comune e sarà coperta in parte attingendo all’avanzo di bilancio e in parte con proventi di alienazioni. Precisamente, reggeranno le redini dell’operazione l’architetta Maria Cristina Garavelli e l’ingegnere Roberto Tassinari. E dovrà essere tutto pronto entro il prossimo 31 gennaio.

L’opportunità di realizzare i due importanti servizi scolastici per l’infanzia è stata data da un avviso pubblico che il Ministero dell’Istruzione ha emesso a fine 2021 e che riguardava specificamente proprio asili nido e scuole dell’infanzia ed estensione del tempo pieno e mense. L’amministrazione comunale ha colto la palla al balzo, decidendo di arricchire il polo scolastico all’angolo tra via Recoaro e via Pisignano (che ora include la primaria “Collodi e la scuola per l’infanzia) con due sezioni di nido, che potranno accogliere una cinquantina di piccoli, e una mensa. Comfort, efficienza energetica e impiego di tecnologie all’avanguardia sono i pilastri su cui si fonderà il progetto. Uno degli obiettivi particolarmente importanti che ci si è dati è quello di adottare soluzioni che consentano di abbattere i consumi energetici di almeno il 10% rispetto a un normale edificio. Per quel che riguarda il nuovo nido, si aggiungerà a un progetto “gemello” che prevede la creazione di altre due sezioni presso le nuove scuole a San Vittore, sempre grazie a finanziamenti Pnrr. Prossimamente saranno così disponibili cento posti in più destinati a bimbi della fascia 0-3 anni.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui