Cesena, contagi alle stelle: al Bufalini si aggiungono letti Covid

Al Bufalini si corre preventivamente ai ripari ampliando il numero di posti letto riservati ai pazienti positivi al Covid. Anche se per il momento la curva dei ricoveri non è per fortuna schizzata in alto, come ha fatto invece impetuosamente quella che fotografa la quantità giornaliera di contagi, bisogna farsi trovare pronti. E allora nell’ospedale di Cesena sono stati aggiunti negli ultimi giorni altri 7 posti dedicati a chi è infettato dal virus pandemico in forma grave. Tre di questi sono stati attivati proprio ieri. La dotazione per fare fronte a questa nuova ondata è quindi salita a 53 letti: 14, quattro dei quali destinabili a pazienti che necessitano di trattamenti subintensivi, al sesto piano del Bufalini, presso il reparto di Medicina interna; 24 all’ex lungodegenza di Geriatria; 15 all’Unità operativa Anestesia e Rianimazione al quarto piano, nove dei quali per degenza subintensiva e i rimanenti per quella intensiva. Ma non è finita. Entro il 10 gennaio, o anche prima se ci sarà l’urgenza di farlo, si ricaveranno ulteriori 6 posti nella sezione Medicina Covid.

Questa riorganizzazione non può essere “a costo zero”. Sono tre i reparti che sono stati chiamati a rinunciare a una parte dei loro letti: Nefrologia, che è scesa da 9 a 6, Medicina interna (da 21 a 15) e Geriatria (da 40 a 24). Ilnuovo assetto, pur essendo stato appena definito con un provvedimento del direttore ospedaliero, Claudio Lazzari, è suscettibile di nuove revisioni a seconda dell’andamento della pandemia. La speranza di tutti è che il vaccino continui a garantire una forte protezione dalle forme più severe di contagio per non rivivere i momenti drammatici del picco di ricoveri che si ebbe nello scorso mese di marzo, quando al Bufalini furono occupati simultaneamente più di 160 letti Covid.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui