Continuano senza soluzione di continuità le spaccate notturne nei confronti di esercizi commerciali.
La modalità è più o meno sempre quella, con colpi che sembrano fatti in fotocopia e che quasi sempre causano danni ingenti per le attività commerciali e bottini tutto sommato abbastanza scarsi per i malviventi, che per far cassa colpiscono di conseguenza in maniera seriale, facendo ormai diventare i furti notturni con spaccate un serio problema sociale.
Al chiosco di piadina vicino al Ponte Vecchio sono entrati in azione dei ladri.
La tipologia del furto si è vista spesso negli ultimi tempi. Particolarmente presi di mira i chioschi di piadina, sempre con le stesse modalità.
Di solito i banditi (una banda specializzata in questo tipo di furti?) entrano in azione di notte, forzano la parte inferiore della porta in metallo dei chioschi, entrano all’interno, portano via i soldi che trovano.
E anche sabato notte al chiosco del Ponte Vecchio è andata esattamente così, con i banditi che sono rimasti all’interno del chiosco per meno di un paio di minuto, si sono impossessati del registratore con il fondo cassa lasciato dai titolari e hanno fatto perdere le proprie trace. A differenza di altri episodi analoghi, il registratore di cassa non è stato aperto e abbandonato nelle vicinanze, ma è sparito insieme ai ladri.
I proprietari hanno presentato denuncia per il furto ai carabinieri.

Argomenti:

chiosco

furto

ladri

piadina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *