Cesena, caduta dalla scala al cimitero muore e dona gli organi

Non ce l’ha fatta la donna che mercoledì scorso era stata ritrovata riversa a terra all’interno del cimitero di Ruffio. Si sono rivelati troppo gravi i traumi patiti dopo essere caduta da una delle scale con le ruote usate per prendersi cura dei loculi situati nelle file in alto. Così, nella giornata di sabato, non si è potuto fare più nulla se non costatare il decesso della 69enne Silvana Barducci. A questo punto, è probabile che oggi venga fissato il funerale. La donna era stata trasportata d’urgenza al Bufalini, appena ci si era accorti di quanto era successo, grazie a due suoi amici, che avevano notato la sua auto nel piazzale all’esterno del cimitero, ed erano entrati per farle un saluto. Era il primissimo pomeriggio e l’avevano trovata stesa sul pavimento, priva di sensi e sanguinante. Le sue condizioni erano parse da subito disperate ai soccorritori del 118 che si erano precipitati sul posto e ai medici che l’avevano assistita durante il ricovero nel reparto d Rianimazione. Purtroppo, quando si verificano infortuni di questo tipo, pesanti lesioni craniche sono frequenti, e così è stato in questo caso. I familiari della donna, pur distrutti dal dolore, con un ammirevole senso civico hanno avuto la lucidità e la generosità di acconsentire l’espianto degli organi. Un gesto che consentirà di continuare a vivere a qualcuna delle tante persone in attesa di donazione. Nel punto dove è accaduta la tragedia non ci sono telecamere e pare che nessun testimone oculare abbia assistito alla scena. I carabinieri, chiamati a indagare, non hanno comunque ravvisato alcun elemento sospetto che possa fare pensare a coinvolgimenti di terze persone. Tutto porta a pensare che Silvana Barducci sia scivolata accidentalmente da quella scala oppure che abbia perso l’equilibrio per colpa di un malore sopraggiunto all’improvviso. Dopo le prime incertezze, gli inquirenti avevano teso presto ad escludere che potesse esserci stata un’aggressione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui