Cesena: botte alla fidanzata, patteggia 8 mesi

Botte in strada alla fidanzata. Ha patteggiato la pena G.T: il 35enne arrestato a Ponte Pietra nel cuore di due pomeriggi fa.

Una sentenza, quella letta dal giudice Marco De Leva, che riguarda però esclusivamente il reato di resistenza a pubblico ufficiale. La sua fidanzata, infatti, che ha subito le percosse in strada non ha inteso sporgere denuncia contro l’uomo e nel fascicolo del rito direttissimo (in carico al pm Federica Messina) a ieri c’era finita soltanto la “seconda parte” dell’accaduto: quando sul posto sono arrivate le forze dell’ordine.

Il 35enne, operaio campano in trasferta a Cesena ed attualmente residente in zona, era al bar con la compagna 30enne. Stavano bevendo alcolici quando è scattata la lite. L’uomo ha inseguito la donna in strada colpendola ripetutamente. In pronto soccorso la donna è stata refertata per un pugno al volto e dei calci ricevuti ai fianchi (6 giorni di prognosi). Chi ha visto la scena in strada lungo via Calabria ha chiamato il 112. Sul posto sono arrivate a gran velocità pattuglie dei carabinieri e della polizia. Con i militari che hanno faticato non poco (venendo a scontro fisico con lui) per placare le ire di lui.

L’uomo, gravato da qualche precedente passato ma di diversa natura giuridica, difeso dall’avvocato Alberto Avellone, ha patteggiato 8 mesi di reclusione con pena sospesa per la resistenza a pubblico ufficiale. Malgrado la mancata denuncia per lesioni della fidanzata non è escluso che in futuro (con le nuove leggi del Codice Rosso) possano nascere a suo carico ulteriori investigazioni d’ufficio da parte dell’Arma per l’episodio violento che lo ha visto protagonista.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui