Cesena, al via il Centenario dell’Ippodromo del Savio

Cento anni di cavalli, e di storia di una città che attorno al suo ippodromo ha creato una cittadella di incontri, di passione, di cultura di un buon vivere. È la sintesi di una corsa partita il 9 aprile 1922, giorno riportato dall’Annuario 1922-23 come “il primo giorno di Riunione di trotto di Cesena”. Quella corsa arriva ad oggi e lancia la partenza della stagione del Centenario del Savio, che si apre martedì 28 giugno per 29 appuntamenti, fra cui 4 gran premi, fino al Campionato europeo Orogel di sabato 3 settembre, l’88° della serie. Appuntamenti tutti a ingresso libero, tranne l’Europeo. È dunque una stagione del cuore, dei ricordi, ma anche di volontà nel continuare a evolversi in un contesto che, nel nome del cavallo, si allarga e si integra in una comunità che punta a un’inclusività arricchente. Con un pensiero a Tomaso Grassi, scomparso nel 2018, che tanto ha contribuito ad allungare la bella corsa.

L’ouverture

Della secolare storia del Savio cesenate si è reso conto il Ministero delle politiche agricole (Mipaaf) che ha elargito un montepremi aggiuntivo straordinario di venti mila euro utili a sostenere il Gran Premio del Centenario, corsa speciale che segna la “première” di martedì 28 giugno alle 21. Altrettanto per il Campionato Europeo Orogel è aumentata la dotazione fino a 187 mila euro di montepremi. Martedì al Savio viene consegnato il premio “Mister Centenario” a Giancarlo Baldi, storico driver nato nel 1933. Baldi senior (padre di Lorenzo Baldi altro noto guidatore), vanta una carriera non comune; iniziata nel 1952, è proseguita ininterrottamente fino al 2016, esempio mirabile di passione e di osmosi uomo cavallo. Nel 1981 vinse pure un Europeo con Gator Bowl. Ad accogliere i frequentatori dell’ippodromo, spicca all’esterno una installazione di arte topiaria (potare alberi realizzando sculture) che vede al centro un cavallo. Il Gran Premio del Centenario vive un’animazione sportiva curata da Technogym e Wellness foundation; nel parco giochi sono in programma attività di avviamento alla pratica sportiva per bambini guidate da esperti Technogym. Ai genitori verranno distribuiti opuscoli della “Piramide del wellness” consigli di sana crescita dei piccoli.

Le mostre

Esposizioni celebrano il centenario dell’ippica e del cavallo. Da non perdere in galleria ex Pescheria, “Box 202” del fotografo Andrea Bernabini. Prorogata sino al 3 luglio, esalta il cavallo attraverso lo sguardo dell’umanità della scuderia. Un paio di immagini vengono scelte per realizzare la maglietta solidale del centenario in collaborazione con Camac a favore di Anffas. Il 12 luglio Massimo Umberto Antoniacci, presidente Hippogroup e collezionista d’arte, invita all’inaugurazione all’ippodromo di una mostra di pittura da lui promossa: «Esponiamo quadri di artisti anche famosi come Sughi, tutti dedicati al cavallo». Il 2 agosto è il collezionista Alberto Forti a esporre un corpus di cimeli, fotografie, documenti legati alla lunga storia del Savio.

Musica solidarietà tivù

Nove appuntamenti musicali caratterizzano il ritorno di Hipposoul; martedì 28 apre Jennifer Vargas Trio cantante di origine cubana. Si conferma il “battesimo della sella” sui pony del Cesena Horse Center in collaborazione con Anffas, e di sabato nel parco l’animazione inclusiva “Mi diverto” con Silvia Dall’Ara. Attività solidali anche dal consorzio Romagna iniziative e dai club Anioc, Panathlon e Rotary. Da 35 anni Luciano Poggi conduce la diretta su Teleromagna “Cavalli in pista” quest’anno visibile in tutta l’Emilia-Romagna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui