Cesenatico, aggredita dal compagno: un altro “codice rosso”

Ancora una donna aggredita da un uomo con cui convive. Ancora un episodio di violenza tra le mura domestiche. Ancora una volta le luci delle forze dell’ordine (in questo caso della zona di Cesenatico) si sono accese per un cosiddetto “Codice rosso”: ovvero le leggi speciali che tutelano le aggredite in particolar modo quando gli abusi e le vessazioni che subiscono rientrano nell’ambito della sfera domestica.

Il nuovo episodio coinvolge nelle vesti della vittima una donna di 50 anni. Origini straniere ma residente nella fetta cesenate della Riviera Romagnola. Come (troppe) altre volte accaduto in questo periodo, la vittima delle percosse ha dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso dell’ospedale Maurizio Bufalini. I soccorsi sono scattati per lei nella prima parte di due notti fa. A differenza di altre volte, il suo accesso alla struttura ospedaliera per curare delle ferite è coinciso anche con il racconto di botte subite da parte di un uomo.

La vicenda è finita nelle mani non solo di infermieri e medici che hanno medicato la donna (dimettendola con una prognosi di 5 giorni fatta di contusioni ed escoriazioni multiple). Ma è passata anche nelle mani delle forze di polizia dell’area rivierasca. L’intento di denunciare della donna verrà raccolto dalla pubblico ministero Sara Posa. In questo momento l’uomo (quasi coetaneo di lei) è sotto indagine e sono al vaglio provvedimenti restrittivi della sua libertà. La gravità di quanto verrà descritto a denuncia dalla vittima darà il peso del provvedimento che la pm sceglierà di proporre al giudice. Come sempre si va dal mero ammonimento, all’allontanamento coatto dalla donna fino agli arresti. Ciò che sarà ritenuto migliore per impedire che possa di nuovo accadere anche qualcosa di simile o di molto più grave.

Questo nuovo episodio arriva a pochi giorni di distanza da uno analogo accaduto a Cesena. Dove una donna in pieno centro città dopo essere stata aggredita dal suo compagno (60enne) è stata messa sotto protezione in una casa rifugio dai carabinieri, che contestualmente stanno indagando l’uomo per maltrattamenti in famiglia.

Ieri il Centro donna ha riferito nella riunione del Forum delle donne che nel primo semestre del 2022 sono stati 52 i casi seguiti. Si tratta di donne che raccontano di maltrattamenti reiterati, stalking, violenze. Di questi 12, sono casi di cui il Centro donna ha cominciato ad occuparsi nel 2021, 40 sono nuovi. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si registra un aumento di 10 casi, un dato che preoccupa le operatrici del Centro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui