Cesena, 58enne dimesso dall’ospedale arriva a casa e muore

Cesena, 58enne dimesso dall'ospedale arriva a casa e muore

CESENA. Nel pomeriggio di ieri i parenti hanno sporto ufficialmente una denuncia. Intendono capire se ci sia qualcosa che non ha funzionato, e nel caso che cosa, nella dinamica di morte di un 58enne, marito e padre di due figli in età pre adolescenziale. Per ora la sua salma è all’obitorio del Bufalini in attesa di eventuali accertamenti che possano chiarire le dinamiche che lo hanno portato al decesso dopo essere stato per alcune ore sotto osservazione al pronto soccorso del Bufalini, ore durante le quali non parevano potersi materializzare complicanze tali dal portarlo alla morte. L’episodio risale alla giornata di sabato. Erano le 10.30 circa quando con un’ambulanza l’uomo era stato trasferito all’ospedale on dei dolori lancinanti simili a coliche renali. Proprio per una problematica renale oggi l’uomo avrebbe dovuto essere ospedalizzato e sottoposto a cure anche di tipo chirurgico. Il 58enne è stato visitato ma non sono state evidentemente riscontrate pericolosità tali dal doverlo trattenere anzitempo rispetto alla data di ricovero programmata. Attorno alle 17.30 è stato fatto rientrare a casa. Ma di lì a poco è servito l’intervento di un’altra ambulanza in urgenza. L’uomo infatti si è accasciato privo di sensi. Inutili si sono rivelati i tentativi di rianimazione effettuati sul posto dal personale medico ed infermieristico intervenuto. Così così come inutile è stata la terapia e la prosecuzione della rianimazione eseguite poi in pronto soccorso, dove il 58enne si è spento. Il sospetto è che possa essere stata fatale un’embolia ma solo eventuali accertamenti potranno chiarire le cause del decesso e se la morte potesse o meno essere prevenuta durante il primo accesso in ospedale al mattino o anche nelle settimane precedenti. Per capire questo i parenti ieri hanno formalizzato, la segnalazione che darà modo alla magistratura di agire per tentare di dissipare le cause del decesso.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *