Cesena, lo storico capo usciere spegne 100 candeline in Comune

CESENA. A 100 anni Agostino “Secondo” Forti torna dove ha lavorato per una vita. Accolto dal sindaco Enzo Lattura, che lo ha definito “Il mio primo centenario”, lo storico capo usciere del Comune di Cesena è tornato a Palazzo Albornoz dove è stato in carica dal 1942 al 1982.

Generalmente è il sindaco a recarsi dal festeggiato ma quella di oggi è stata un’occasione davvero straordinaria dovuta al particolare affetto che lega la famiglia Forti al Palazzo del Comune. “Qui – ha commentato emozionato il festeggiato prima di ricevere una targa celebrativa nella Sala degli specchi – ho trascorso la mia vita tra gioie e dolori. Ricordo ogni momento e tutti i dettagli sono bene impressi nella mia mente”. Tra Forti e il sindaco un dialogo carico di ricordi e di aneddoti: dalle incursioni notturne dei tedeschi in piena seconda guerra mondiale alla continua manutenzione che spesso avveniva di notte, in compagnia della moglie Olga Righi, quando le sale erano deserte, fino alla presenza di un cassettino segreto nello studio del sindaco. “Signor sindaco – ha poi aggiunto il neo centenario – la ringrazio per aver voluto festeggiare il mio compleanno qui e le faccio tanti auguri di una buona amministrazione. La città le vuole bene. Tornare nella Sala degli specchi per me è stata una grandissima emozione e mi fa tanto piacere”. Lattuca ha anche chiesto a Forti di svelare ai presenti il segreto per arrivare a 100 anni. “Lavorare molto e avere il coraggio di sopportare tutto quello che succede e voler bene alla popolazione e alla gente”, la ricetta.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui